Nella sala ricevimenti dell’istituto, bene l’esame gastronomico di fine anno. I ragazzi del «Caterina de’ Medici» al primo posto in tre concorsi

Ottimi gli allievi dell’Alberghiero

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Un anno da incor­ni­cia­re per l’istituto alberghiero di Desen­zano. In vari con­cor­si dis­pu­tatisi in Italia ed anche all’estero, i ragazzi del «Cate­ri­na de’ Medici» han­no sbaraglia­to il cam­po. Nel VII con­cor­so Sala Bar, coo­or­di­nati dal prof. Osval­do Zuc­chel­li, le allieve Deb­o­ra De Bonis e Jen­nifer Pat­ac­chia si sono piaz­zate rispet­ti­va­mente al sec­on­do ed al ter­zo pos­to, con un pun­teg­gio finale che ha per­me­s­so alla scuo­la desen­zanese di con­quistare il pri­mo pos­to tra quel­li in gara. Nel 1° Beach Cock­tail Tour­na­ment svoltosi ad Jeso­lo altri suc­ces­si. Nel­la cat­e­go­ria «after din­ner» il pri­mo clas­si­fi­ca­to è sta­to Fed­eri­co Mer­goni che, con Loren­zo Nervi, ha con­sen­ti­to al pro­prio isti­tu­to di inse­di­ar­si al pri­mo pos­to. I due ragazzi era­no coor­di­nati dal noto bar­man Diego Lom­bar­do, già cam­pi­one mon­di­ale nel 2002/2003. E anco­ra, al V Con­cor­so Inter­nazionale di Cuci­na «Mia Young» un altro allie­vo di Desen­zano, Simone Pader­no, si è aggiu­di­ca­to la pri­ma poltrona. Infine un ter­zo pre­mio come «migliore scuo­la», con Luca Gat­ti e Simone Pader­no nel Con­cor­so Pas­tic­ceri Arti­giani. Saba­to sera, nel­la sala rice­vi­men­ti dell’istituto di Desen­zano si è tenu­ta la cer­i­mo­nia di fine anno sco­las­ti­co con l’esame gas­tro­nom­i­co e di sala delle clas­si III A e III D Cuci­na, III B Sala Bar e III C Rice­vi­men­to. Per la pri­ma vol­ta nel­la sua sto­ria, come ha tenu­to a sot­to­lin­eare il pre­side Clau­dio Maz­za­cani, il «Cate­ri­na de’ Medici» desen­zanese (l’altro isti­tu­to è a Gar­done Riv­iera, ndr.), ha avu­to come ospite al sag­gio un diplo­mati­co dell’ambasciata del Ghana. Il per­ché è presto spie­ga­to. Tra gli stu­den­ti di una delle quat­tro clas­si parte­ci­pan­ti vi sono tre gio­vani ghane­si, due del Maroc­co e uno del­la Nige­ria. Il diplo­mati­co africano si è com­pli­men­ta­to sia con i suoi gio­vani con­nazion­ali sia con il per­son­ale del­la scuo­la. Oltre al pre­side, c’erano il diret­tore del­la scuo­la e orga­niz­za­tore del­la ser­a­ta, Val­ter Mesar, che è anche pres­i­dente dell’Associazione Cuochi Bres­ciani; quin­di alcu­ni diri­gen­ti sco­las­ti­ci, il sin­da­co Fioren­zo Pien­az­za e l’assessore Ade­lio Zanel­li, il cap­i­tano dei Francesco Pec­o­raro, accom­pa­g­na­to dal luo­gote­nente Peruz­zo, il pres­i­dente ono­rario dell’Aic, Enzo Del­lea, con il seg­re­tario del­la Fed­er­azione Ital­iana Cuochi, Gian­pao­lo Can­gi. Il menù, par­ti­co­lar­mente cura­to, ha vis­to un ric­co buf­fet di antipasti (con una pro­pos­ta del Ghana), segui­to da un risot­to agli aspara­gi e for­maggel­la di Tremo­sine e da strac­ci di pas­ta inte­grale con ragù di lago, quin­di un filet­to di man­zo alla Robe­spierre con con­torno di patate e zuc­chine al ven­taglio. Applau­di­to infine il buf­fet di dessert, nel quale han­no trova­to pos­to perfi­no dol­ci tradizion­ali del Maroc­co. L’istituto desen­zanese, che ha conosci­u­to un incred­i­bile boom di iscrizioni negli ulti­mi anni gra­zie alla capac­ità dei suoi ver­ti­ci ed alla posizione tur­is­ti­ca del bas­so Gar­da, con­ta oltre 420 alun­ni, men­tre quel­lo di Gar­done Riv­iera ne ha cir­ca 350.

Parole chiave: