Decolla il progetto dell’Amministrazione di attuare in un solo colpo una raffica di interventi di grande respiro ritenuti urgenti quanto importanti.

Otto miliardi per migliorare la capitale del Garda

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Ennio Moruzzi

Un maxi mutuo per otto gran­di opere pub­bliche. Decol­la infat­ti il prog­et­to dell’Amministrazione di attuare in un solo colpo una raf­fi­ca di inter­ven­ti di grande respiro ritenu­ti urgen­ti quan­to impor­tan­ti per la cap­i­tale del Gar­da. Otto sono i prog­et­ti già pre­dis­posti, tut­ti giun­ti ormai al via, finanziati gra­zie alla con­trazione di un uni­co maxi mutuo da oltre otto mil­iar­di. Si trat­ta di opere pub­bliche ritenute essen­ziali ed indi­lazion­abili come acque­dot­to e cimitero, ovvero di lavori nec­es­sari per la sta­gione tur­is­ti­ca come quel­li bal­n­eari. Tem­pi, obi­et­tivi, det­tagli degli otto cantieri che saran­no aper­ti entro un paio di mesi sono sta­ti illus­trati ieri dal neo elet­to asses­sore ai Lavori pub­bli­ci, Tom­ma­so Gia­rdi­no. «Va det­to anz­i­tut­to — spie­ga il nuo­vo respon­s­abile dell’Assessorato — che le opere sono state finanzi­ate da un mutuo di 8mila 55milioni con­trat­to con il Cre­diOp. I fon­di sono des­ti­nati a finanziare i lavori di ampli­a­men­to del cimitero di Riv­oltel­la, la ristrut­turazione di una parte del Munici­pio, la sis­temazione del­la Spi­ag­gia d’Oro, la del quartiere vic­i­na alle Grezze, di via Garibal­di, via Venezia e di via Mazz­i­ni oltre al poten­zi­a­men­to dell’impianto di trat­ta­men­to dell’acqua pota­bile in local­ità Tassi­nara di Riv­oltel­la». Ma vedi­amo in det­taglio cosa si è deciso di real­iz­zare. Il prog­et­to del cimitero di Riv­oltel­la, riguar­da l’ampliamento dei loculi che sono qua­si esauri­ti nonos­tante siano ben 2.080. Il prog­et­to glob­ale prevede l’allargamento da con­cretiz­zare a stral­ci edi­f­i­can­do altri 1.080 loculi e 60 ossari. Con il pri­mo lot­to in fase di appal­to, si real­izzer­an­no 380 nuovi loculi e 60 ossari oltre all’illuminazione dai servizi. I lavori saran­no ulti­mati entro la fine dell’anno con una spe­sa di 1.600 mil­ioni. Servi­ran­no ben 1.500 mil­ioni per ristrut­turare l’ala ovest e la zona cen­trale ed il sot­totet­to del Munici­pio Bagat­ta. Si trat­ta di inter­ven­ti che, assi­cu­ra l’assessore, non com­porter­an­no alter­azioni sig­ni­fica­tive del­la strut­tura del palaz­zo che è sot­to­pos­to a vin­co­lo mon­u­men­tale. Ver­rà real­iz­za­to anche un sec­on­do scalone di acces­so agli uffi­ci ed un ascen­sore uti­liz­z­abile anche per i dis­abili. Tem­po di avvio dei lavori: 2 mesi. Decoller­an­no a giorni gli inter­ven­ti nell’area del­la spi­ag­gia d’oro di pro­pri­età comu­nale. Nel­la parte ver­so la statale, ver­ran­no rica­vati 53 parcheg­gi; poi ci sarà un par­co giochi per bam­bi­ni, un’area polifun­zionale in un vas­to pra­to verde su una super­fi­cie di cir­ca 9.500 metri­qua­drati, men­tre ver­rà trip­li­ca­ta la dimen­sione del­la spi­ag­gia che diven­terà di 2000 metri qua­drati. Ver­so il lago sarà rica­va­ta una ter­raz­za, servizi, un mag­a­zz­i­no e doc­ce. Il par­co sarà recin­ta­to e chiu­so di notte. Cos­to dell’opera, 700 mil­ioni. Nel quartiere del­la Vic­i­na sarà rifat­ta la via­bil­ità amplian­do le strade, cre­an­do mar­ci­apie­di, illu­mi­nazione, sot­toservizi, nuo­va pavi­men­tazione. Ver­rà anche real­iz­za­to il col­lega­men­to tra via Vic­i­na di Sot­to e via Mon­te­suel­lo. Il cos­to dell’intervento è di 700 mil­ioni. In local­ità Tassi­nara a Riv­oltel­la, ver­rà trip­li­ca­to l’impianto di trat­ta­men­to dell’acqua pota­bile e costru­ito un nuo­vo ser­ba­toio da 1.500 met­ricu­bi così da sop­perire alle caren­ze d’acqua nei mesi estivi. L’onere è di 2.030 mil­ioni di cui 150 saran­no a cari­co del­la . Tor­nan­do alle sis­temazioni stradali, tre sono i prog­et­ti pre­dis­posti dall’Ufficio tec­ni­co. In via Garibal­di, con 700 mil­ioni saran­no sis­te­m­ate le fogne, i sot­toservizi per poi real­iz­zare una pavi­men­tazione in por­fi­do imp­ie­gan­do las­tre e cubet­ti. I lavori saran­no ulti­mati pri­ma del peri­o­do natal­izio. Via Venezia ver­rà ampli­a­ta e sarà real­iz­za­to anche un mar­ci­apiede ed una pista e pedonale, men­tre sarà instal­la­ta l’illuminazione l’asfalto dopo aver provve­du­to a rifare i sot­toservizi. Il cos­to dell’opera è pre­ven­ti­va­to in 800 mil­ioni. È invece un inter­ven­to di manuten­zione stra­or­di­nar­ia quel­lo riguardante alla cen­trale via Mazz­i­ni, dove ci sono le scuole, dove saran­no elim­i­nati i mar­ci­apie­di per real­iz­zare la zona ris­er­va­ta ai pedoni ricor­ren­do a fior­iere e arredo urbano. Dovreb­bero sparire una deci­na di posti di sos­ta a dis­co orario. Tut­ti i cantieri dovreb­bero essere aper­ti nel vol­gere di un paio di mesi per essere chiusi, alcu­ni, già pri­ma del­la fine dell’anno; altri, come nel caso dell’acquedotto del­la set Tassi­nara, entro la fine dell’anno prossimo.

Parole chiave: -