Sabato 8 maggio si apre la nuova mostra: 112 fotografie raccontano Sirmione e il lago di Garda

Ouverture: gli scatti del Premio Sirmione per la fotografia tornano protagonisti di Palazzo Callas

07/05/2021 in Mostre
Di Redazione

Una nuo­va mostra, un nuo­vo debut­to. Tut­to è pron­to a Palaz­zo Callas Exhi­bi­tions per l’apertura di OUVERTURE, l’esposizione fotografi­ca allesti­ta dall’8 mag­gio al 18 luglio che rac­con­ta Sirmione e il attra­ver­so gli scat­ti dei pro­tag­o­nisti dell’edizione 2020 del Pre­mio Sirmione per la .

108 fotografie selezion­ate con cura, che trasporter­an­no i vis­i­ta­tori in un viag­gio alla scop­er­ta degli angoli più sug­ges­tivi, degli scor­ci più carat­ter­is­ti­ci e dei det­tagli più inaspet­tati di Sirmione e del lago di Gar­da. Un debut­to dice­va­mo, che, dopo un forza­to peri­o­do “sospe­so nel tem­po”, por­ta con sé emozioni, ecc­i­tazione, entu­si­as­mo e promesse.

Ouver­ture è la mostra fotografi­ca che annun­cia l’aper­tu­ra del­la sta­gione esti­va di Sirmione

e del lago di Gar­da e dà il via alle cel­e­brazioni per il cen­te­nario di .

È il pre­lu­dio di un tem­po den­so di aspet­ta­tive e speranza.

Una grandiosa e promet­tente sin­fo­nia di immagini.

Che il futuro abbia inizio.

Rivedere Sirmione e il lago di Gar­da attra­ver­so le bel­lis­sime immag­i­ni esposte a Palaz­zo Callas ci ha procu­ra­to un’emozione stra­or­di­nar­ia – è il pri­mo com­men­to di , vicesin­da­co ed asses­sore al Tur­is­mo e alla Cul­tura – la stes­sa che senz’altro offrire­mo ai vis­i­ta­tori in procin­to di arrivare. Apri­amo così una nuo­va sta­gione, con l’ottimismo che carat­ter­iz­za chi fa dell’accoglienza una vera e pro­pria mis­sione. E con un gra­zie immen­so agli ami­ci fotografi, che ci con­sentono di alle­stire ogni anno ques­ta orig­i­nale for­ma di benvenuto”.

L’allestimento: onde e tridimensionalità

L’allestimento del­la mostra è dinam­i­co ed evo­ca il movi­men­to sin­u­oso delle onde le lago. Le fotografie, tutte del­lo stes­so for­ma­to 50x50, aprono scor­ci qua­si a richia­mare delle reali finestre affac­ciate su questo nuo­vo mondo.

Gli scat­ti sulle pareti sono dis­posti sec­on­do un ordine appar­ente­mente casuale. Ogni immag­ine, mon­ta­ta su sup­por­to di car­tone di diver­sa pro­fon­dità, crea un effet­to di movi­men­to che sem­bra uscire dalle pareti stesse donan­do una tridi­men­sion­al­ità uni­ca e coinvolgente.

Il vis­i­ta­tore entran­do nel­la stan­za per­cepisce l’irregolarità sul piano delle parete e, con­tem­po­ranea­mente, il movi­men­to delle fotografie nel­lo spazio, un chiaro richi­amo al riecheg­gia­re delle onde del lago.

Inserite sin­go­lar­mente sui sup­por­ti, le fotografie ricor­dano tante finestre sul Lago: immag­i­ni ed emozioni che i fotografi han­no volu­to rac­con­tare sec­on­do la loro sen­si­bil­ità e diver­sa prospet­ti­va. Il Pre­mio Sirmione per la Fotografia si rac­con­ta in un’unica voce: le 108 fotografie dei 4 con­cor­si si mescolano le une con le altre per nar­rare, insieme, una sto­ria comune” così Mar­i­an­gela Gavi­o­li, ideatrice dell’allestimento di OUVERTURE.

4 scat­ti anco­ra da scegliere

OVERTURE si com­pleterà solo una vol­ta ter­mi­na­ta la Sirmione 10% Pho­to Marathon, la sfi­da a tem­po che si ter­rà domeni­ca 9 mag­gio a Sirmione. 60 minu­ti a dis­po­sizione, dalle 7:30 alle 8:30, per scattare e trovare l’immagine per­fet­ta in gra­do di rac­con­tare il tema di quest’anno, che ver­rà sve­la­to solo qualche min­u­to pri­ma del­lo start ufficiale.

Tra gli scat­ti inviati, la giuria selezion­erà le 4 fotografie vincitri­ci che andran­no a com­pletare l’allestimento di OUVERTURE por­tan­do così il numero totale di scat­ti pro­tag­o­nisti a 112.