Il Comune ha deciso di risolvere il problema e ha presentato ai cittadini il progetto per una struttura attesa da molti anni

Padenghe, finalmente la materna

Di Luca Delpozzo
Claudio Andrizzi

L’annosa vicen­da dell’asilo di Padenghe sem­bra ormai avvi­a­ta ver­so una soluzione pos­i­ti­va: l’altra sera, nel cor­so del­la sedu­ta del con­siglio comu­nale, è sta­to infat­ti pre­sen­ta­to ai con­siglieri e ai cit­ta­di­ni il prog­et­to per la real­iz­zazione del­la nuo­va, atte­sis­si­ma scuo­la mater­na. Il sin­da­co Gian­car­lo Alle­gri, con l’obiettivo di snel­lire l’iter buro­crati­co rel­a­ti­vo a ques­ta vicen­da, ha infat­ti incar­i­ca­to i prog­et­tisti di pre­sentare diret­ta­mente sia ai con­siglieri sia al folto pub­bli­co pre­sente le linee essen­ziali del piano edilizio. A Padenghe, lo ricor­diamo, il tema dell’asilo è da tem­po nell’agenda delle prob­lem­atiche di più urgente soluzione: come molti res­i­den­ti san­no, la vec­chia sede del­la mater­na, quel­la in dote all’ente morale Zinel­li, si tro­va ormai in uno sta­to di abban­dono, e i bam­bi­ni iscrit­ti all’asilo sono costret­ti a uti­liz­zare alcune aule messe a dis­po­sizione dal­la scuo­la ele­mentare: una soluzione che sot­trae spazio prezioso alle attiv­ità didat­tiche e allo svilup­po che la scuo­la sta conoscen­do in questi ulti­mi anni. Alla fine, quin­di, dopo un lun­go peri­o­do di dis­cus­sioni e con­sul­tazioni, nell’amministrazione padengh­ese è preval­sa la volon­tà di costru­ire un nuo­vo edi­fi­cio da des­tinare a questo fon­da­men­tale servizio: un inves­ti­men­to che alla comu­nità del pic­co­lo cen­tro valte­n­esino costerà cir­ca 3 mil­iar­di. L’operazione, insom­ma, è di quelle cor­pose, ma la real­iz­zazione del­la strut­tura era del resto tra i pun­ti mag­gior­mente in vista nell’agenda dell’amministrazione Alle­gri. Anda­ta defin­i­ti­va­mente in fumo la pos­si­bil­ità di un accor­do che con­sen­tisse allo stes­so ente morale Zinel­li di real­iz­zare la strut­tura, l’amministrazione civi­ca ha deciso di agire in pro­prio, con l’obiettivo di offrire final­mente una certez­za ai cit­ta­di­ni, e soprat­tut­to a quel­li più pic­coli. La nuo­va scuo­la mater­na ver­rà real­iz­za­ta su un ter­reno di pro­pri­età comu­nale nelle vic­i­nanze dell’attuale plesso sco­las­ti­co com­pren­dente anche la ele­mentare: nel prog­et­to, oltre alle sei aule pre­viste sono pre­visti locali sem­i­nter­rati, pen­si­line per la sos­ta, il «cari­co» e lo «scari­co» dei bam­bi­ni dalle auto e dagli scuo­labus, sale per i giochi e per la men­sa. Anco­ra da decidere la for­ma di ges­tione e le com­pe­ten­ze: prob­le­mi ai quali la Giun­ta di Padenghe ha deciso di met­tere mano sola­mente in un sec­on­do tem­po. Clau­dio Andrizzi