Prende in via questa sera la prima edizione della rassegna storica. Artisti, cavalieri, giullari: scatta la rievocazione

Padenghe nel Medioevo

Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

ìPrende il via oggi (chiusura domeni­ca) la pri­ma edi­zione di «Padenghe anti­ca», una sfi­da tra le con­trade del paese che ripor­ta indi­etro nel tem­po: pit­tori di corte, fig­u­ran­ti, giullari, men­estrel­li, can­tas­to­rie, sbandier­a­tori, tav­ernieri e popolani in un’atmosfera medievale. Alla rie­vo­cazione parte­ci­pano tre noti artisti: Giusep­pina Chio­di, pit­trice man­to­vana da qualche anno res­i­dente a Colom­bare di Sirmione; Dami­ano Val­busa, di Valeg­gio sul Min­cio (Verona), pit­tore fig­u­ra­ti­vo, res­i­dente a Lugana di Sirmione; Fran­co Mora, di Viadana (Man­to­va), pit­tore naif, spe­cial­iz­za­to in murales. Gli artisti saran­no al lavoro nelle tre piazze prin­ci­pali (oggi e domani dalle 10 in poi). Domeni­ca, dalle 20, le opere saran­no esposte al pub­bli­co nel chiostro set­te­cen­tesco di palaz­zo Bar­bi­eri, attuale sede munic­i­pale. Da ven­erdì a domeni­ca, sem­pre dalle 20, Padenghe vivrà tre not­ti medievali al chiaro di luna (bar e negozi per l’occasione saran­no aper­ti fino alle 3 del mat­ti­no): entran­do in paese, la stra­da prin­ci­pale sarà illu­mi­na­ta da torce indi­can­ti il per­cor­so da seguire. Si potran­no incon­trare pit­tori di corte, giullari, men­estrel­li, can­tas­to­rie, sbandier­a­tori, streghe, popolani, men­di­can­ti. Le con­trade Monte Pratel­lo, Vil­lag­gi Riu­ni­ti alle­sti­ran­no tav­erne in piaz­za Mat­teot­ti e in piaz­za Cadu­ti. La pri­ma offrirà carni pre­li­bate e otti­mi vini, la sec­on­da dol­ci antichi. La Polisporti­va e i grup­pi alpi­ni, in piaz­za Gabriele D’Annunzio, offriran­no core­gone e sar­dine con polen­ta, annaf­fiati con vini doc nos­trani (Grop­pel­lo, Chiaret­to, Lugana). Il grup­po gio­vani sarà addet­to alle bevande. I pun­ti di ris­toro sono aper­ti dalle 20 in poi. Questi gli avven­i­men­ti clou: stasera alle 21, nel cen­tro stori­co, «Proces­so alla stre­ga». Domani, alle 21, al Castel­lo, gli sbandier­a­tori dei Cav­a­lieri di S. Gior­gio dell’Abbazia di Chiar­avalle daran­no un sag­gio delle loro abil­ità. Alle 22 in piaz­za D’Annunzio il tor­neo dei cav­a­lieri per l’assegnazione del Palio delle con­trade. Domeni­ca, a par­tire dalle 20, nel chiostro del Comune, saran­no esposte le opere real­iz­zate dai pit­tori di corte. La man­i­fes­tazione è pro­mossa e orga­niz­za­ta dall’Assessorato allo sport e tem­po libero, con la col­lab­o­razione del­la Polisporti­va, delle con­trade di Padenghe, del grup­po alpi­ni, del grup­po gio­vani, dell’Assessorato alla cul­tura, del­la Pro loco.

Commenti

commenti