Alla Casa delle Libertà il 50,85 dei suffragi. Decisivi i voti di Gozzolina e del centro. Forza Italia conferma la leadership comunale Ko l'Italia dei valori

Paganella eletto sindaco al primo turno

Di Luca Delpozzo
Castiglione delle Stiviere

Fab­rizio Paganel­la, avvo­ca­to di 46 anni è il nuo­vo sin­da­co di Cas­tiglione. E’ sta­to elet­to al pri­mo turno rac­coglien­do con la lista del­la Casa delle Lib­ertà oltre la metà dei voti (50.85%). Deci­sivi per evitare il bal­lot­tag­gio i suf­fra­gi rac­colti nel cen­tro stori­co e a Goz­zoli­na. Delusi Gio­van­ni Savi­o­la (cen­trosin­is­tra) fer­mo al 25.03% e Mas­si­mo Novazzi (civiche) che ha ottenu­to il 21.4% dei suf­fra­gi men­tre Bruno Pogliani (Italia dei Val­ori) non ha super­a­to il 2.72%.La con­fer­ma del­la vit­to­ria al pri­mo turno è giun­ta solo alle 20, dopo un’al­tal­e­na di risul­tati che nel cor­so del pomerig­gio sono sal­i­ti e sce­si più volte dal­la quo­ta del 50% a sec­on­da delle sezioni via via scruti­nate. La certez­za del­l’elezione è sta­ta salu­ta­ta da un lun­go applau­so in sala con­sil­iare dove il Comune ha allesti­to un maxi scher­mo con le proiezioni dei dati in tem­po reale.Di fronte ad una cinquan­ti­na di per­sone, Paganel­la è sta­to applau­di­to ed ha abbrac­cia­to numerosi sosten­i­tori, strin­gen­do decine di mani.Tra i pri­mi a con­grat­u­lar­si anche Gio­van­ni Savi­o­la che cav­alleresca­mente gli ha stret­to la mano augu­ran­do al neo sin­da­co un buon lavoro. «Se fos­si anda­to al bal­lot­tag­gio avrei prefer­i­to avere te come avver­sario» è sta­ta la fran­ca rispos­ta di Paganella.In effet­ti, sino al tar­do pomerig­gio sem­bra­va pro­fi­lar­si il ricor­so al turno di bal­lot­tag­gio, soluzione per­al­tro pre­vista dal­la mag­gio­ran­za degli osser­va­tori politi­ci. Le divi­sioni pub­bli­ca­mente emerse in Forza Italia e la creazione di una coal­izione di liste di cen­tro con a capo un ex azzur­ro, ave­va fat­to temere sul­la solid­ità del­l’al­lean­za mod­er­a­ta. Il can­dida­to sin­da­co del­la Casa delle Lib­ertà ha invece rac­colto 5.393 voti, più del doppio del sec­on­do (2.655 voti per Savi­o­la), seg­no del­la ritrova­ta unità.Estremamente sod­dis­fat­to del suc­ces­so Enzo Luc­chi­ni, coor­di­na­tore provin­ciale di Forza Italia che ieri ha parte­ci­pa­to a tutte le fasi del­lo spoglio abbrac­cian­do alla fine il nuo­vo sin­da­co. «E’ un suc­ces­so stra­or­di­nario» ha det­to il leader provin­ciale azzur­ro. «Paganel­la è l’uo­mo gius­to al pos­to gius­to. Ha vin­to l’al­lean­za ed ha vin­to Forza Italia che si con­fer­ma nel ruo­lo di pri­mo par­ti­to cas­tiglionese. La gente ha capi­to che la nos­tra coal­izione è basa­ta su un buon pro­gram­ma e ci ha vota­to». Con lui han­no fes­teggia­to i ver­ti­ci provin­ciali di Allean­za Nazionale, pre­sente il sin­da­co di Guidiz­zo­lo Car­lo Mac­cari, e numerosi espo­nen­ti di Forza Italia tra i quali Mat­ti­oli, Bertoli, Fos­chi­ni, Nodari, Gras­so. Anche il sin­da­co uscente, Arturo Sig­urtà ha segui­to con inter­esse l’evoluzione del voto che lo coin­volge. Da oggi, infat­ti, lascerà l’uf­fi­cio al successore.Tra i dati da sot­to­lin­eare, il calo del­l’as­ten­sione rispet­to alle prece­den­ti con­sul­tazioni amministrative.Sarà quel­lo di Forza Italia, con 8 elet­ti, il grup­po più numeroso sui banchi del con­siglio comunale.Ecco i nomi: Mau­r­izio Ridoli, Nar­ciso Tonel­lo, Gian­car­lo Bel­luzzi, Sev­eri­no Tinazzi, Pao­lo Imbri­ani, Alber­to Galler­an, Giuseppe Gras­so e Cate­ri­na Maghella.In mag­gio­ran­za anche 2 leghisti (Gui­do Zaglio e Rober­to Con­falonieri) un Udc (Alessan­dro Nov­el­li­ni) e un An (Mar­co Galli).Per quan­to riguar­da la mino­ran­za Gio­van­ni Savi­o­la con Mario Gogli­uc­ci e Maria Cecil­ia Carat­toni (Ds-Sdi) e Dori­ano Caio­la (Rifondazione).Con Mas­si­mo Novazzi, Inno­cente Sereni ed Ange­lo Tagliani (Social­isti ambientalisti).