Palazzo Cominelli, sul Lago di Garda, ospiterà una mostra dedicata a Lindsay Kemp

Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Per il ter­zo anno con­sec­u­ti­vo la Fon­dazione Cominel­li pros­egue la sua attiv­ità di indagine tesa a sve­lare gli aspet­ti pri­vati e meno conosciu­ti dei gran­di pro­tag­o­nisti del Nove­cen­to. Il nuo­vo per­cor­so espos­i­ti­vo sarà ded­i­ca­to a Lind­say Kemp, core­ografo, attore, bal­leri­no e mimo tra i più conosciu­ti ed apprez­za­ti al mon­do, che ha seg­na­to indelebil­mente l’arte per­for­ma­ti­va del­la sec­on­da metà del sec­o­lo scor­so.

La sua figu­ra eclet­ti­ca e calei­do­scop­i­ca ha influen­za­to tut­ta la dan­za mod­er­na e il teatro dan­do vita a spet­ta­coli cele­bri tra cui Flow­ers e por­tan­do­lo a creare una com­pag­nia teatrale di cui è sta­to allie­vo David Bowie, per il quale negli anni Set­tan­ta ha cura­to la mes­sa in sce­na dei con­cer­ti The Rise and Fall of Zig­gy Star­dust and the Spi­ders from Mars, una pietra mil­iare nel genere del­l’­opera rock.

Lind­say Kemp da sem­pre affi­an­ca il dis­eg­no e la pit­tura alla sua attiv­ità lega­ta al pal­cosceni­co; attiv­ità par­al­lela ma non sec­on­daria, la pit­tura è per Kemp una log­i­ca con­seguen­za del suo muover­si sul­la sce­na, la dan­za si fa seg­no e diven­ta una trac­cia flu­i­da sul­la car­ta, in gra­do di muover­si lib­era­mente e sen­za inibizioni, in cui pochi trat­ti spri­gio­nano ener­gia vitale. Kemp ricorre sem­pre agli stes­si leit­mo­tiv, le stesse fig­ure che com­pi­ono le stesse azioni, trac­ce rapi­de sul­la car­ta in cui la veloc­ità del trat­to supera il pen­siero razionale.

La mostra di Lind­say Kemp a cura di Rosan­na Padri­ni Dol­ci­ni e Fed­eri­co Sardel­la, real­iz­za­ta con la col­lab­o­razione diret­ta del grande artista, pre­sen­terà oltre quar­an­ta opere recen­ti, inedite o real­iz­zate per l’oc­ca­sione. Oltre ai lavori su car­ta, che saran­no col­lo­cati nelle tre sale del piano nobile del palaz­zo, saran­no esposti, una serie di scat­ti real­iz­za­ti dal fotografo Car­lo Roc­chi Bilanci­ni, che mostra­no Kemp improvvis­are, per la pri­ma vol­ta nel­la sua car­ri­era, una per­for­mance in acqua.

Parte inte­grante del­la mostra sarà un video, real­iz­za­to dal­la reg­ista teatrale Sara Poli, che oltre a fil­mare la real­iz­zazione di un’­opera estem­po­ranea, il giorno dell’ inau­gu­razione, doc­u­menterà la pre­sen­za del mae­stro Lin­dasy Kemp alla Fon­dazione Cominel­li, ma soprat­tut­to met­terà in evi­den­za il suo rap­por­to con il dis­eg­no e la pit­tura.

Accom­pa­gna la mostra un cat­a­l­o­go con testo di Fed­eri­co Sardel­la e la ripro­duzione di una selezione delle opere esposte

Inau­gu­razione: saba­to 17 mag­gio 2014, dalle ore 18.00

17 mag­gio 2014 – 24 agos­to 2014

in col­lab­o­razione con: Comune di San Felice del Bena­co

Sede:

Fon­dazione Cominel­li

via Padre F. Santabona, 9

25010 Cisano di San Felice del Bena­co (BS)

Orari:

ven­erdì e saba­to: dalle 18.00 alle 21.30

domeni­ca: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 18.00 alle 21.30

Ingres­so libero

Dracula, 2014, pennarelli su carta

Parole chiave: