La rassegna dal 23 aprile

«Palio del Chiaretto». È pronta la sfida tra le migliori bottiglie

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
Moniga del Garda

Riparte a Moni­ga il con­cor­so eno­logi­co per i migliori Chiaret­ti dell’annata: il Palio par­tirà quest’anno il 23 aprile, con la pri­ma delle cinque degus­tazioni uffi­ciali. I pun­teg­gi ver­ran­no som­mati fino a dec­retare il vinci­tore del tro­feo Pom­peo Mol­men­ti, che ver­rà asseg­na­to uffi­cial­mente il 12 luglio, giorno dell’inaugurazione del­la Rasseg­na del e dell’Olio Extravergine del Gar­da nel cen­tro stori­co di Moni­ga. Il Chiaret­to è sicu­ra­mente il più orig­i­nale e carat­ter­is­ti­co del­la Doc Gar­da Clas­si­co ( min. 30%, Marzemi­no min. 5%, Bar­bera min., 5% e San­giovese min. 5%). Come sosten­gono i pro­dut­tori del­la Valte­n­e­si, non è un rosato, ma un Chiaret­to, cioè si dif­feren­zia dai del resto del mon­do per la sua sor­pren­dente aro­matic­ità flo­re­ale. Ogni anno il Palio del Chiaret­to pro­pone grade­voli novità. «Per ques­ta edi­zione — spie­ga il sin­da­co di Moni­ga Mas­si­mo Polli­ni — si è volu­to dare notev­ole impor­tan­za alla pro­mozione in tre piazze strate­giche per i pro­dut­tori di Chiaret­to: Bres­cia, Cre­mona e , invi­tan­do le asso­ci­azioni dei som­me­li­er di quelle cit­tà. Oltre alle degus­tazioni di rit, un momen­to par­ti­co­lare di pro­mozione ver­rà riv­olto al pub­bli­co e agli oper­a­tori di set­tore, gra­zie a dei banchi di assag­gio nei quali il Chiaret­to sarà abbina­to all’olio prodot­to delle stesse aziende».

Parole chiave: - -