Stasera alle 19.30 sul Pra’ del Piganzo l’originale sfida, alla fine premi e musica Quindici cuochi alle prese con tre primi a base di vialone

Palio del riso, contrade in gara

26/09/2003 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
m.f.

La Fiera del riso si con­fer­ma la fes­ta del vialone nano e dei suoi esti­ma­tori. I risot­ti tri­on­fano come sem­pre sulle tav­ole dei pala­ten­da dove nel­la pri­ma set­ti­mana di fiera, soli­ta­mente la più tran­quil­la, ne sono sta­ti con­sumati più di cinquan­tami­la e tri­on­fano nelle cucine dei con­cor­si come il «Palio del risot­to» che si dis­pu­ta stasera alle 19.30 sul Pra’ del Pigan­zo. Giun­to alla sedices­i­ma edi­zione, è il con­cor­so gas­tro­nom­i­co più alle­gro e popo­lare del­la Fiera del riso, l’unico che non si tiene nelle sale di Vil­la Boschi e al quale può parte­ci­pare chi­unque sap­pia stare ai for­nel­li per cucinare il vialone nano in una delle tante ricette det­tate dal­la cre­ativ­ità e dal­la fan­ta­sia del­la cuci­na casalin­ga. Al Palio, che è orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con la Pro loco, parte­ci­pano infat­ti cuochi non pro­fes­sion­isti delle cinque con­trade del paese, Caselle, Doltra-Vo’ (vincitrice delle due prece­den­ti edi­zioni), Cen­tro, Pel­le­g­ri­na e Tar­mas­sia. Ogni con­tra­da parte­ci­pa con tre cuochi che devono preparare due risot­ti liberi e uno all’ isolana; quel­li liberi in gara quest’anno sono ai funghi e speck, ai funghi, con peper­oni e sal­s­ic­cia, con zuc­chine e speck, con lugane­ga, peper­one e cur­ry, con melan­zane e scamorza, con faraona e funghi di mon­tagna, con rigaglie, con zuc­chine fior­ite e taleg­gio, con l’anatra. Nel cor­so del­la ser­a­ta sarà pre­mi­a­to il vinci­tore del con­cor­so «Miglior vet­ri­na», Fed­eri­co Ces­taro, che nel suo autos­a­lone ha ricostru­ito una risa­ia nel­la quale troneg­gia una vec­chia Balil­la. Sem­pre ques­ta sera, men­tre sul Prà del Pigan­zo i cuochi delle con­trade si prepara­no alla sfi­da a suon di risot­ti, in piaz­za Mar­tiri alle 21 è pre­vis­to il con­cer­to di don Pao­lo Spo­ladore con Unan­i­ma band, che nel pro­gram­ma del­la fiera era sta­to inizial­mente indi­ca­to al palazzet­to del­lo sport. E nel teatro ten­da del Prà del Pigan­zo, musi­ca funky anni ’70 con il grup­po «Sep­tem­ber Groove».