Primo storico successo

Palio delle botti. Il pubblico di casatrascina Moniga

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
L.D.P.

Anche Moni­ga, con la vit­to­ria dell’altra sera, entra nell’albo d’oro del Palio delle bot­ti del­la Valte­n­e­si. Lo fa aggiu­di­can­dosi pro­prio la gara che si è dis­pu­ta­ta nelle strade del suo cen­tro storico.I bot­tai Aure­lio Miche­li, Fab­rizio Frances­chi­ni, Mau­ro Ori­oli, Simone Fab­bri e Ader­en­ti, padre e figlio, ce l’hanno mes­sa tut­ta, rius­cen­do a fare bel­la figu­ra di fronte ai concit­ta­di­ni con un tem­po di tut­to rispet­to nei tre giri del per­cor­so, per un totale di 1500 metri, di 7 minu­ti 58 sec­on­di e 16 centesimi.Puegnago, una delle favorite, è par­ti­ta al quar­to pos­to nel­la griglia di parten­za alle spalle di Polpe­nazze «regi­na» del­la man­i­fes­tazione con con sette vit­to­rie e 2 suc­ces­si di palio. Ma sta­vol­ta, i dom­i­na­tori dell’albo d’oro si sono dovu­ti accon­tentare del­la penul­ti­ma piaz­za davan­ti a Maner­ba. In terza posizione Padenghe segui­ta da Soiano e da San Felice del Benaco.La cor­sa si è svol­ta in una sug­ges­ti­va e affol­la­ta cor­nice di pub­bli­co. Con ques­ta di Moni­ga, sale a 16 il totale delle annate del Palio del­la Valte­n­e­si che venne lan­ci­a­to dal Lions del­la Valte­n­e­si «per rie­vo­care — ebbe modo di rac­con­tare Cosi­mo Poret­ti, in veste di pres­i­dente del Lions club del­la Valte­n­e­si e dan­do appun­ta­men­to al prossi­mo anno — le oper­ose gior­nate del­la gente dei campi, risco­pren­do le sfide dei vig­naiuoli in una pos­i­ti­va com­pe­tizione a pro­durre meglio, facen­do del­la provo­cazione sana e leale, oltre ad un momen­to di incon­tro sereno ed amichev­ole con­sen­ten­do ai gio­vani di aggiun­gere un sig­ni­fi­ca­to in più allo sport, che sa di uman­ità nos­trana e casereccia».Soddisfatti ovvi­a­mente gli orga­niz­za­tori, in prim­is l’assessore al tur­is­mo e il respon­s­abile del­la Pro Loco Loris Baruf­fa. L’albo d’oro vede in tes­ta Polpe­nazze con sette vit­to­rie segui­to da Pueg­na­go con sei.

Parole chiave: