La sinergia tra il club locale e quello di Puegnago ha dato ottimi frutti: campionato strepitoso nell’Under 15

Pallavolo, in Valtenesi l’unione fa davvero la forza

01/06/2005 in Sport
Di Luca Delpozzo
Elena Cerqui

Per la pri­ma vol­ta l’Associazione sporti­va Valte­n­e­si ha gareg­gia­to uni­ta al grup­po sporti­vo Maner­ba, e ques­ta col­lab­o­razione, nel­la squadra di pallavo­lo fem­minile under 15, ha dato subito come frut­to un ter­zo pos­to nell’Eccellenza provin­ciale. «Ques­ta pri­ma col­lab­o­razione è sta­ta molto pos­i­ti­va — rac­con­ta Marisa Dami­oli, diri­gente del­l’As Valte­n­e­si — ed è nata per­chè entrambe le for­mazioni era­no rimaste con 6–8 ele­men­ti, insuf­fi­ci­en­ti per alle­stire una squadra. In questo modo abbi­amo dato l’op­por­tu­nità alle ragazze di con­tin­uare a gio­care e di pot­er miglio­rare il loro liv­el­lo tec­ni­co; altri­men­ti avreb­bero cam­bi­a­to sport». Le tredi­ci ragazze che com­pon­gono la squadra, sette del 1990 e sei del 1991, ven­gono da tut­ta la Valte­n­e­si: sei di Pueg­na­go, quat­tro di Maner­ba, un’atleta a tes­ta pos­sono con­tare Moni­ga, Polpe­nazze e San Felice. Si trat­ta di Marzia Tom­masi, Sara Cre­mone­si, Imma­co­la­ta Fer­raro, Mara Delai, Cristi­na Bor­tolot­ti, Fer­nan­da Ridon, Ser­e­na Orna­go, Eleono­ra Papa, Alma Roc­co, Vania Kasjc, Elisa Tur­ra, Noe­mi Mac­cabiti ed Ele­na Avanzi­ni. Le due allena­tri­ci sono Sil­via Sonci­na di Pueg­na­go, che ha avu­to il mer­i­to di rius­cire ad amal­ga­mare il grup­po nel cor­so del­l’an­no, e Manuela Binot­ti, allena­trice nel­la pas­sa­ta sta­gione del­l’As Valte­n­e­si; sen­za dimen­ti­care la diri­gente Manuela Tono­li che ha segui­to costan­te­mente la squadra. Le ragazze rac­con­tano con entu­si­amo la loro avven­tu­ra, dal­la dif­fi­den­za iniziale fino all’amicizia che è nata nel cor­so dell’anno. Le ragazze, da otto­bre, han­no svolto tre allena­men­ti a set­ti­mana, due nel­la palestra di San Felice, dove si gio­ca­vano anche le gare interne, e uno nel palazzet­to di Maner­ba, per sot­to­lin­eare l’ambivalenza ter­ri­to­ri­ale del­la squadra. «All’inizio — con­clude Marisa Dami­oli — vi sono sta­ti dei dub­bi da parte dei gen­i­tori, sia per le sedi degli allena­men­ti e delle gare, che com­por­ta­vano sem­pre una pic­co­la trasfer­ta, che per un cer­to cam­panil­is­mo. Ma poi han­no capi­to e abbi­amo rac­colto sod­dis­fazione da parte di tut­ti. Spe­ri­amo per l’anno prossi­mo di ampli­are la col­lab­o­razione con il Gs Maner­ba anche per altre due for­mazioni come l’under 13 e 14».