Un laboratorio di arte postale con epicentro a Sirmione e aperto a tutti

Parco Callas ospita la mostra di “Arte senza limite”

12/09/2013 in Arte, Attualità, Mostre
Di Luigi Del Pozzo

Inau­gu­ra­ta, alla pre­sen­za di numerose autorità locali, l’edi­zione 2013 di Pietra & CO. Pre­sente anche il figlio di , Pietro, al cui artista, scom­par­so nel 1990, è ded­i­ca­ta in gran parte la mostra con l’artista Piero Man­zoni.

Da ques­ta man­i­fes­tazione ci si aspet­ta sem­pre un’opera che campeg­gi con la sua fisic­ità nel ter­ri­to­rio. Con la com­plic­ità di PROGETTOUTOPIA abbi­amo in questi anni deroga­to spes­so da ques­ta con­dizione riv­ol­gen­do­ci ad un’opera a cui si gira attorno che non c’è, ovvero non se ne vede la for­ma ben­sì la sostan­za.
Quest’anno quest’aspetto viene rad­i­cal­iz­za­to ancor di più. Un poco per­ché ci avvi­amo a cel­e­brare qual­cosa e la cel­e­brazione sta nel­la mente e nel cuore e poco tra le mani, ed anche per­ché ci sen­ti­amo sem­pre più attrat­ti dalle illu­sioni del pen­siero che dai prag­ma­tis­mi esteti­ci.
Met­ti­amo quin­di in cam­po un lab­o­ra­to­rio con­dot­to da PROGETTOUTOPIA che ci accom­pa­g­n­erà fino all’11 set­tem­bre 2014, data in cui lo work in progress ideato da Gugliel­mo Achille Cavel­li­ni per cel­e­brare il suo cen­te­nario avrà la sua sca­den­za. Lab­o­ra­to­rio che oltre a mostrare innescherà parte­ci­pazione, scam­bio e pul­sioni cre­ative.
Si par­tirà con due man­u­fat­ti ide­ali, denom­i­nati 50/100, di due cel­e­brazioni: una in atto quest’anno, l’altra in sca­den­za il prossi­mo.

Il pri­mo è una “Base mag­i­ca” trat­ta da un lavoro del 1961 di Piero Man­zoni, di cui quest’anno si ricor­da il cinquan­te­nario dal­la morte. E’ una rie­vo­cazione con un ris­volto fisi­co e citazion­ista di una delle opere fon­da­men­tali del­la nos­tra con­tem­po­raneità in cui con pre­po­tente attiv­ità cor­porea si pre­lude al con­cet­to di relazione: sul­la base ci può salire chi­unque per divenire opera d’arte.
Il sec­on­do è una cor­nice vuo­ta ricop­er­ta di ade­sivi con la data del cen­te­nario che riprende un lavoro sull’Autostoricizzazione di Gugliel­mo Achille Cavel­li­ni, il cui cen­te­nario dal­la nasci­ta scadrà nel prossi­mo 2014, che del­la base man­zo­ni­ana è una con­seguen­za che ci spinge oltre la cor­por­e­ità per inserir­si nel­la non-sto­ria. Chi­ami­amoli omag­gi ma anche scene in cui la parte­ci­pazione del pub­bli­co, non quel­lo del ristret­to mon­do dell’arte ma quel­lo for­ma­to da tut­ti noi, fungerà da ne- ces­saria esten­sione delle opere stesse.
Da queste due pre­messe parte il lab­o­ra­to­rio, che avrà un pun­to di nec­es­saria esplic­i­tazione nelle comu­ni­cazioni che si aggregher­an­no col tem­po col­oran­do la cor­nice del Par­co Callas che abbi­amo con­tribuito a che fos­se uti­liz­z­abile per una visione con­tin­ua giorno e notte attra­ver­so l’adattamento del par­co luci con una pro­duzione di ener­gia “puli­ta” a bas­so con­sumo, favoren­do un accor­do tra il Comune di Sirmione e l’azienda T‑Led di Rez­za­to.
Si è inizia­to occu­pan­do alcu­ni pan­nel­li posti lun­go la via di attra­ver­sa­men­to del Par­co con immag­i­ni col­orate, fan­ta­siose ed ironiche trat­te dall’archivio del mail-artista e stori­co del movi­men­to Vit­tore Baroni. Fran­cobol­li, car­to­line, col­lages, tim­bri, ade­sivi, gli stru­men­ti prin­ci­pali del lavoro di questi artisti che a par­tire dai pri­mi anni Set­tan­ta han­no cre­ato una rete di comu­ni­cazione postale autono­ma, pri­va di chiusure e sostanzial­mente aliena dal mer­ca­to. Altri pan­nel­li saran­no occu­pati da immag­i­ni di Buster Cleve­land, Anna Banana e E.F. Hig­gins III, tre degli artisti antes­ig­nani di ques­ta espe­rien­za, ded­i­cate al lavori di Gugliel­mo Achille Cavel­li­ni che cos­ti­tuiran­no il momen­to iniziale che ci con­dur­rà ver­so il fatidi­co 2014.
Un work in progress anche il nos­tro quin­di, con inter­ven­ti, per­for­mance, attiv­ità relazion­ali ed altre immag­i­ni ed inter­ven­ti che si susseguiran­no fino ai “fuochi d’artificio” dell’atto finale del­la cel­e­brazione.

Cavellini-1