Nuova indagine conoscitiva in merito alla partecipazione alle celebrazioni festive promossa dalla parrocchia dei Santi Nazario e Celso

Parte un sondaggio della parrocchia per conoscere i fedeli della messa

Di Luca Delpozzo

Nuo­va indagine conosc­i­ti­va in mer­i­to alla parte­ci­pazione alle cel­e­brazioni fes­tive pro­mossa dal­la par­roc­chia dei San­ti Nazario e Cel­so. Domeni­ca prossi­ma, 29 aprile, al ter­mine di tutte le fun­zioni quo­tid­i­ane, ver­rà dis­tribuito ai fedeli un mod­u­lo che, com­pi­la­to, servirà a sti­lare delle sta­tis­tiche rel­a­tive alla popo­lazione prat­i­cante di Castiglione.Il sis­tema adot­ta­to per real­iz­zare l’indagine è molto sem­plice. All’us­ci­ta del­la mes­sa sarà con­seg­na­to un foglio sul quale indi­care, strap­pan­do le appo­site linguette cor­rispon­den­ti alla rispos­ta scelta, i dati rel­a­tivi alla pror­pia fas­cia di età, al ses­so, alla zona di res­i­den­za, allo sta­to civile, al tem­po di res­i­den­za nel comune, alla pro­fes­sione e al tipo di parte­ci­pazione alla mes­sa. I dati rac­colti passer­an­no al vaglio di alcu­ni esper­ti in scien­ze sta­tis­tiche che saran­no poi impeg­nati nel­la stesura dei risul­tati del­l’indagine, divul­ga­ta quan­to più cel­er­mente, in modo tale da delin­eare il quadro del­la realtà sociale vic­i­na alla chiesa.Questo tipo di inizia­ti­va ha un prece­dente nel 1995 quan­do, scor­ren­do le sta­tis­tiche ottenute, ebbe un buon riscon­tro. Com­pi­larono il mod­u­lo qua­si 2300 per­sone che, su un totale di cir­ca 15.500 abi­tan­ti, cor­risponde al 15% del­la popo­lazione. Dai risul­tati si evince­va che, in per­centuale, le donne era­no più parte­cipi alla mes­sa rispet­to agli uomi­ni: il 17% delle donne di Cas­tiglione, infat­ti, si dice­va prat­i­cante a fronte del 10.2% del­la popo­lazione maschile. Inoltre i più pre­sen­ti alle cel­e­brazioni era­no gli indi­vidui apparte­nen­ti alle fasce di età dai 46 anni in su, i meno pre­sen­ti quel­li dai 19 ai 30 anni con appe­na l’8%.«La deci­sione di sot­to­porre i fedeli a ques­ta sor­ta di inchi­es­ta» spie­ga don Alber­to «è mat­u­ra­ta in seno al Con­siglio Pas­torale che ha ritenu­to utile avere a dis­po­sizione un det­taglio del­la popo­lazione prat­i­cante per ind­i­riz­zare il pro­prio prog­et­to di azione pas­torale dei prossi­mi anni». Non si esclude che la par­roc­chia si impeg­ni in un sif­fat­to mon­i­tor­ag­gio del­la popo­lazione a sca­den­ze rego­lari; il tut­to per essere più con­sapevoli delle carat­ter­is­tiche dei fedeli e pro­gram­mare un inter­ven­to il più pos­si­bile adegua­to alle istanze più vive pre­sen­ti nel territorio.