Promozioni record a Desenzano

Patentino per guidare lo scooter

Di Luca Delpozzo
Daniele Bonetti

Pro­mozioni record nel­la ses­sione d’esame per il «patenti­no» per ciclo­mo­tori orga­niz­za­ta al liceo Bagat­ta di Desen­zano. Solo 4 can­di­dati su 110 non han­no ottenu­to l’idoneità alla gui­da del­lo scoot­er. Una media di pro­mossi net­ta­mente supe­ri­ore al resto d’Italia. La media nazionale, che si attes­ta attorno al 40%, è sta­ta clam­orosa­mente abbas­sa­ta dai gio­vani stu­den­ti desen­zane­si che han­no chiu­so la ses­sione d’esame con il solo 3,6%. Un risul­ta­to clam­oroso in net­ta con­tro­ten­den­za rispet­to a quan­to accade nel resto d’Italia, una per­centuale di pro­mozioni che pro­pone gli stu­den­ti desen­zane­si come mod­el­lo da seguire per tut­ti col­oro che inten­dono con­seguire il patenti­no. «Sin­ce­ra­mente mi aspet­ta­vo un risul­ta­to del genere — con­fes­sa Ste­fa­nia Bovo, una delle inseg­nan­ti dei cor­si pro­mossi nel liceo — : i ragazzi si sono posti nel modo gius­to, han­no stu­di­a­to durante il cor­so e si sono appli­cati rac­coglien­do il frut­to del loro lavoro all’esame. Fare i quiz con seri­età è l’unico modo per non trovare dif­fi­coltà». L’altissima per­centuale di boc­cia­ture che sta investen­do tut­ta la peniso­la sig­nifi­ca prob­a­bil­mente che i gio­vani stan­no pren­den­do poco seri­amente la ques­tione riguardante il patenti­no per ciclo­mo­tori. «Per quel­la che è la mia espe­rien­za — ricor­da l’insegnante -, pos­so dire che i ragazzi si impeg­nano poco. Cre­dono che ottenere il patenti­no sia una cosa sem­plice invece pos­so dire che non lo è affat­to». Una leg­gerez­za che se nell’immediato penal­iz­za i gio­vani che non con­seguiran­no il patenti­no per ciclo­mo­tori, in futuro ren­derà meno sem­plice con­seguire la patente B. «I quiz dell’esame per la patente dei ciclo­mo­tori insistono su un pro­gram­ma sen­si­bil­mente ridot­to rispet­to a quel­li del­la patente B — con­fes­sa Ste­fa­nia Bovo -: è vero però che mem­o­riz­zare il pro­gram­ma del patenti­no può essere un bel vantaggio».