Nuovi arredi al reparto ospedaliero. Progetto realizzato grazie all’Abio e a benefattori privati

Pediatria «sorride» con giocattoli e colori

Di Luca Delpozzo

San­ta Lucia ha antic­i­pa­to il suo arri­vo al repar­to di pedi­a­tria di Desen­zano. Gra­zie alla don­azione di due coni­u­gi milane­si, che ha con­sen­ti­to il com­ple­to rin­no­va­men­to del­la sala giochi, e del­la «Fab­bri­ca del Sor­riso» (la trasmis­sione anda­ta in onda tem­po fa su Medi­aset con la final­ità di rac­cogliere fon­di des­ti­nati alle pedi­atrie di sei ospedali ital­iani), che ha invece per­me­s­so la sos­ti­tuzione del­l’arreda­men­to del repar­to, l’ospedale Mon­te­croce può da ieri sor­rid­ere davvero. La buona notizia è per i degen­ti più pic­coli, che avran­no sicu­ra­mente un ricovero meno doloroso e triste. Dietro a ques­ta duplice oper­azione c’è comunque la mano del­l’Abio, l’As­so­ci­azione Bam­bi­no in Ospedale, che ha saputo inter­pretare i reali bisog­ni del­la divi­sione di pedi­a­tria diret­ta con pro­fes­sion­al­ità dal dot­tor Gio­van­ni Berga­m­aschi e dal­l’in­tera équipe. Pro­prio all’Abio, come rac­con­ta la sig­no­ra Chic­ca Vin­cen­zi, si era­no riv­olti lei e suo mar­i­to per conoscere quale repar­to in Lom­bar­dia avesse un bisog­no di giochi e attrez­za­ture per i pic­coli pazi­en­ti. L’Abio ha indi­ca­to così la Pedi­a­tria di Desen­zano e ieri il sog­no si è trasfor­ma­to in splen­di­da realtà. Quan­to alla maxi-for­ni­tu­ra di arre­di e sup­pel­let­tili da parte del­la «Fab­bri­ca del Sor­riso» in col­lab­o­razione sem­pre con l’Abio, la deci­sione non è sta­ta casuale. Infat­ti, come ricor­da Berga­m­aschi, nel­la scor­sa estate la trasmis­sione tele­vi­si­va ave­va prescel­to Desen­zano, fra soli sei ospedali ital­iani, per la graziosa immag­ine che la divi­sione garde­sana ave­va saputo offrire di sé: pareti dis­eg­nate, sala giochi ampia e lumi­nosa, req­ui­si­ti in rego­la. E’ quin­di par­ti­ta la cam­pagna di rac­col­ta di fon­di che, poi, ha per­me­s­so la for­ni­tu­ra degli arreda­men­ti. Il repar­to ha 15 posti let­to di cui quat­tro in day hos­pi­tal, 10 posti in Patolo­gia Neona­tale e 15 culle nel Nido. Nei giorni scor­si, inoltre, è sta­to dis­tribuito il nuo­vo menù inver­nale pedi­atri­co per tut­ti e tre i repar­ti azien­dali (Desen­zano, Maner­bio e Gavar­do), a cura del dot­tor Anto­nio Rovere, diri­gente san­i­tario del pre­sidio di Desen­zano e nutrizion­ista. Ieri mat­ti­na, comunque, l’even­to ha vis­to il clas­si­co taglio del nas­tro da parte del diret­tore gen­erale Mau­ro Borel­li, pre­ce­du­to dal­la benedi­zione di padre Lui­gi Piset­ta, e la pre­sen­za di numerosi pri­mari e del per­son­ale infer­mieris­ti­co. Era­no pre­sen­ti il diret­tore ammin­is­tra­ti­vo Ser­afi­no Gar­doni, il diret­tore del pre­sidio Gian­pao­lo Bra­gan­ti­ni, l’asses­sore comu­nale Maria Vit­to­ria Papa, i rap­p­re­sen­tan­ti dell’Abio.