Tutto è pronto nei santuari gardesani per accogliere i pellegrini nell'anno 2000 che, oltre al normale flusso turistico, è previsto si riverseranno sul territorio benacense

Pellegrini sul Garda nell’anno del Giubileo

Di Luca Delpozzo

Tutto è pronto nei santuari gardesani per accogliere i pellegrini nell’anno 2000 che, oltre al normale flusso turistico, è previsto si riverseranno sul territorio benacense per cercare luoghi di preghiera e di rigenerazione dello spirito, forse meno affollati dei santuari più noti.Le diocesi di Brescia, Verona, Mantova e Trento hanno individuato anche nel territorio gardesano le “chiese giubilari”, quelle chiese cioè in cui è possibile adempiere ai riti di purificazione previsti per l’Anno Santo. Nel bresciano sono il Santuario della Madonna del Carmine di San Felice del Benaco ed il Santuario Madonna di Montecastello di Tignale; nel trentino il Santuario della Madonna delle Grazie di Arco; nel veronese il Convento Santuario della Madonna del Frassino di Peschiera del Garda ed il Santuario Basilica della Madonna della Corona di Spiazzi di Montebaldo; nel mantovano il Santuario della Beata Vergine Maria delle Grazie di Curtatone.E sarà comunque occasione per scoprire luoghi che, distribuiti lungo il perimetro gardesano, rappresentano una costellazione di testimonianze della fede delle genti del lago espressa attraverso le architetture e la pittura.Il “Garda Pocket” monografico “I Luoghi dello Spirito”, realizzato dalla Comunità del Garda e distribuito in decine di migliaia di copie sia attraverso campagne mirate in abbinamento a riviste italiane ed estere, che in occasione delle principali fiere turistiche internazionali e di settore, oltre che attraverso i canali della promozione nazionale e diocesana, è stato apprezzato strumento di informazione, essenziale, sintetico ma completo e di pratica utilità.Ora i santuari gardesani sono anche in internet, consultabili nelle pagine del sito ufficiale del lago di Garda www.lagodigarda.it con tutte le indicazioni per organizzare un proprio itinerario ai “luoghi dello spirito”.

Commenti

commenti