Il sindaco Martinelli: «Parliamone a gennaio, a mente fredda: bisogna uscirne»

Per l’economia di Limone ci vuole una soluzione definitiva

24/12/2000 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

«Una cosa è cer­ta: il prob­le­ma del­la Occi­den­tale va risolto una vol­ta per tutte». A dir­lo è Gio­van Bat­tista Mar­tinel­li, sin­da­co di Limone, ossia del paese che fino all’al­tro ieri era iso­la­to ver­so sud e da ieri è iso­la­to ver­so nord, sem­pre a causa di frane piom­bate sul­la statale. L’in­ter­ruzione ver­so Riva è sen­z’al­tro più grave: l’e­cono­mia del cen­tro, lega­ta alle decine di alberghi di ogni cat­e­go­ria, si nutre dai con­tat­ti col nord. La frana del feb­braio ’99 ave­va manda­to in fib­ril­lazione oper­a­tori ed ammin­is­tra­tori. Ques­ta è cadu­ta in un peri­o­do di bas­sa sta­gione. «Per for­tu­na i pon­tili per i traghet­ti del­la sono in fun­zione a Riva ed a Limone. Dalle 8 alle 21 c’è una cor­sa ogni mez­z’o­ra: per adesso va bene così». E davan­ti alla prospet­ti­va d’u­na chiusura a tem­po inde­ter­mi­na­to, lun­ga tut­ti i mesi nec­es­sari alla costruzione del­la gal­le­ria fino a Sper­one? «Par­lia­mone. Adesso, fino a dopo l’ non c’è niente da fare. I roc­cia­tori sono sta­ti sot­to­posti nelle set­ti­mane scorse ad un aut­en­ti­co tour de force in tut­to il Trenti­no. L’ingeg­n­er Bor­tolot­ti ha chiesto, a ragione, di las­ciar pas­sare questi giorni delle feste. Poi ci tro­ver­e­mo intorno ad un tavo­lo e fare­mo un ragion­a­men­to com­p­lessi­vo. Cercher­e­mo le soluzioni. Studier­e­mo le alter­na­tive pos­si­bili. Così non si può più con­tin­uare, ed i rap­por­ti pas­sati con Tren­to autor­iz­zano l’ot­timis­mo.»

Parole chiave: -