Nell'ultima seduta la Giunta comunale di Dolce ha approvato il progetto redatto dall'Amministrazione provinciale per la realizzazione dell'innesto della strada provinciale 57 dell'Altopiano con la strada statale 12 Peri-Fosse.

Perri-Fosse, apertura in estate

09/02/2000 in Avvenimenti
A Dolcè
Di Luca Delpozzo

Nel­l’ul­ti­ma sedu­ta la Giun­ta comu­nale di Dolce ha approva­to il prog­et­to redat­to dal­l’Am­min­is­trazione provin­ciale per la real­iz­zazione del­l’innesto del­la stra­da provin­ciale 57 del­l’Al­topi­ano con la stra­da statale 12, trat­to meglio conosci­u­to come la Peri-Fosse.“Con questo nos­tro atto”, affer­ma il pri­mo cit­tadi­no di Dol­cè, Fil­ib­er­to Semen­zin, “si pone fine ad una lun­ga ques­tione, che è sta­ta fonte di polemiche, proteste e lamentele gius­ti­fi­catis­sime, che però in un bail­lame di com­pe­ten­ze ave­va gen­er­a­to un po’ di con­fu­sione. Qual­cuno ave­va chiam­a­to in causa Enti che non ave­vano e non han­no alcu­na com­pe­ten­za”, pros­egue anco­ra Fil­ib­er­to Semen­zin. “Addirit­tura si inseri­va l’in­ter­ven­to nei pro­gram­mi politi­co ammin­is­tra­tivi per la for­mazione di nuove Giunte mon­tane, facen­do erronea­mente credere di avere tito­lo per deter­minare chissà quale cosa. Ma per for­tu­na gli atti, uffi­ciali e pub­bli­ci, met­tono ordine alle cose. In un incon­tro recen­te­mente avu­to con l’asses­sore Poz­zani del­l’Am­min­is­trazione provin­ciale ho avu­to con­fer­ma del suo inter­es­sa­men­to alla più celere definizione del­la cosa. Infat­ti la Provin­cia, tito­lare del­l’in­ter­ven­to, sta pre­men­do al mas­si­mo sul­l’ac­cel­er­a­tore per potere aprire questo impor­tante col­lega­men­to tra la Val­dadi­ge e la Lessinia entro l’es­tate prossima”.Grande impor­tan­za è infat­ti sta­ta riconosci­u­ta a ques­ta bretel­la di col­lega­men­to, anche per gli innu­merevoli van­tag­gi di tipo eco­nom­i­co, che apporterà alla zona, poco conosci­u­ta, ma che invece meri­ta una nuo­va spin­ta e una net­ta riva­l­u­tazione e riscop­er­ta in diver­si set­tori. “Si trat­ta di fat­to di un’ar­te­ria stradale molto impor­tante, sot­to tut­ti i pun­ti di vista: un col­lega­men­to inter­es­sante anche per il tur­is­mo del­la Lessinia, per fare conoscere ancor di più le sue bellezze e le bellezze del­la Val­dadi­ge, il suo pae­sag­gio e non ulti­mi i suoi tipi­ci vini”, con­clude il sin­da­co Semenzin.In ogni caso, quan­do si par­la di ques­ta zona e di ques­ta via­bil­ità, è facile ricor­dare come chi scende da Fos­se si tro­va a Peri il ponte sul­l’Adi­ge che por­ta nel vici­no Comune di Brenti­no Bel­luno, il sen­tiero del pel­le­gri­no che por­ta al san­tu­ario del­la Madon­na del­la Coro­na, il nuo­vo san­tu­ario del Cristo del­la Stra­da, che pro­tegge gli autisti del­l’au­tostra­da del Bren­nero e poi, di segui­to, è facile pros­eguire per le zone del Monte Bal­do ed il lago di Gar­da.

Giancarlo Gallo

Commenti

commenti