Il vice sindaco di Peschiera, Filippo Gavazzoni, lancia una sua proposta

Peschiera propone compensazione per il Garda a “danno” apertura scolmatore Adige-Garda

Parole chiave:
Di Redazione

Cor­ret­ta la decisone del­la di aprire lo scol­ma­tore, vis­to i pos­si­bili rischi immi­nen­ti su Verona e lim­itrofi, nel­la notte tra il 29 e 30 Otto­bre. Anzi, il lavoro svolto in pri­ma per­sona del Pres­i­dente Zaia e Asses­sore all’am­bi­ente Bottacin é sta­to un esem­pio di cosa vuol dire ammin­is­trare per il bene del territorio.

Anche per questo, in data 2 Novem­bre, il comune di Peschiera del Gar­da ha uffi­cial­mente chiesto, con un doc­u­men­to alla Regione Vene­to, Lom­bar­dia, Provin­cia Autono­ma di Tren­to, AIPO e Autorità di Baci­no di Adi­ge e Po’ un incon­tro per val­utare l’op­por­tu­nità di chiedere una com­pen­sazione per il Gar­da a “dan­no” del­la aper­tu­ra del­lo scol­ma­tore Adige-Garda. 

Serve redi­gere uno stu­dio a lun­go ter­mine per val­utare sci­en­tifi­ca­mente il pos­si­bile dan­no al Gar­da e poter­lo così com­pen­sare, in caso. Se da una parte l’e­mer­gen­za ces­sa for­tu­nata­mente nel­l’im­me­di­a­to, il Gar­da deve invece fare i con­ti con qual­cosa anco­ra di dif­fi­cile quan­tifi­cazione. Bisogna esigere equi­lib­rio per cui, chi ha avu­to aiu­to in ques­ta emer­gen­za, pas­sa­ta gra­zie al Gar­da sen­za dan­ni, par­lo di Verona cit­tà per esem­pio, ora riconosca il gius­to ris­toro in ter­mi­ni eco­nomi­ci per pagare stu­di sci­en­tifi­ci sul­l’in­ter­azione dei fanghi e delle acque, entrate nel Gar­da a sal­va­guardia del­la sicurez­za di per­sone e cose e anche mag­a­ri un ripopo­la­men­to pre­ven­ti­vo di specie ittiche…ma sarà tut­to più chiaro e defini­to dopo uno stu­dio che cer­ti­fichi cosa e quan­to serve fare per il bene del nos­tro lago. 

Inoltre ringrazio AIPO per l’e­gre­gio lavoro svolto con i liv­el­li del Lago, garan­ten­do otti­mi volu­mi di acqua per tut­ta la sta­gione esti­va, che si sono dimostrati anche più che idonei ad assor­bire, sen­za alcun dis­a­gio e ris­chio, l’ar­ri­vo delle acque dell’Adige.

Parole chiave: