Le premiazioni in una affollatissima piazzetta a Bogliaco di Gargnano hanno chiuso gli eventi legati alla 58a Centomiglia (la regata italiana più longeva e con il maggior numero di edizioni).

Piazza gremita per le premiazioni della Centomiglia

07/09/2008 in Manifestazioni
Di Luca Delpozzo

Oltre ai vinci­tori asso­lu­ti sono sta­ti fes­teggiati i pre­mi spe­ciali e chal­lenge. I due tro­feo più sign­fica­tivi sono andati allo statu­nitense Randy Smyth che ci è por­ta­to in Flori­da il 3′ Tro­feo e il garde­sano Daniele Larcher pri­mo nel tro­feo Con­te Bet­toni dei mono­scafi. Il Tro­feo per le barche di Media lunghez­za è anda­to all’U­fo “Baraim­bo” di Razzi Imper­adori del­la Fraglia di Dese­nan­zano, il Tro­feo Comune di Gargnano al Pro­tag­o­nist “Adaa­da” di Mar­co Schi­ra­to del CV Gargnano. Il Chal­lenge (Gor­la e ) com­bi­na­ta per l’As­so 99 (che com­pren­de­va anche il Cam­pi­ona­to Nazionale) ha pre­mi­a­to Asster­isco di Zam­boni, nei pluriscafi l’Ha­gar di Gre­gor Stimpfl e il Pro­car di Mat­teo Mare­ga, entram­bi pluriscafi del Cir­co­lo Vela di Tor­bole (Tren­to). Gli altri pre­mi spe­ciali era­no la maglia nera “Mal­abroc­ca” anda­to a “Giò” di Noven­ta dopo qua­si 24 ore di , al Pro­tag­o­nist di Rober­to Mag­ni, tim­o­niere arma­tore del­la classe più numerosa con il tro­feo Ste­fano Sor­li­ni, al tim­o­niere più anziano (Tro­feo Con­te Fel­trinel­li) mer­i­ta­to dal­l’ot­tan­tenne Tino Raffagli, a quel­lo più gio­vane (Cop­pa Pino Beretta, Asso­ci­azione Indus­tri­ali Bres­ciani) ad Enri­co Gadal­di (FV Desen­zano), al pri­mo tim­o­nere Don­na Francesca Con­for­to. Il Tro­feo Furio Castel­lani per il J 24 allo skip­per veronese Fabio De Rossi. La Cop­pa Provin­cia di Bres­cia e Cop­pa Panathlon è sta­ta vin­ta dal­l’ar­mo ungherese di “Principes­sa”, pri­mo yacht straniero, 2′ asso­lu­to nel­la Cen­to per mono­scafi, la Cop­pa Gior­nale di Bres­cia come pri­mo tim­o­niere bres­ciano da Daniele Larcher di “Clan­desteam”, pri­mo anche nel tro­feo Mas­si­mo Avanzi­ni. Il Tro­feo Auto­mo­bil Club di Bres­cia è anda­to a “Gus­tarte”, la bar­ca più vec­chia del­la flot­ta. I pre­mi del­la sol­i­da­ri­età del­l’Ai­do Anto, l’As­so­ci­azione ital­iana dei dona­tori di organi e l’As­so­ci­azione dei trapi­antan­ti sono sta­ti ampia­mente vin­ti dal “Wild Lady”, pri­mo sul­la boa di Tor­bole e con a bor­do la pri­ma don­na del­la rega­ta Mari­na Palm. Wild lady rap­p­re­sen­ta­va lo Yacht Club di Lan­ge­naghen. local­ità del lago di Costanza.I part­ners delle regate garde­sane sono state “Aria”(www.in-aria.it, uni­co oper­a­tore nazionale WiMax — inter­net sen­za fili e voce), la griffe “Mari­na Yacht­ing”, “Ami­ca Chips”, il Con­siglio Regionale del­la Lom­bar­dia, la Riv­iera dei Limoni