Il posticipo è stato deciso dall’Amministrazione in vista della stagione turistica. Rimandata a dopo l’estate anche la sistemazione delle vie Bianchi e Casello

Piazza Orti Manara, lavori a ottobre

29/03/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Sono sta­ti spo­sta­ti al 23 otto­bre 2006 i lavori per la sis­temazione di piaz­za­le Orti Man­ara (ingres­so alle ) e delle vie Casel­lo e Bianchi, tutte e tre nel cen­tro stori­co di Sirmione. «C’era il grosso ris­chio che il cantiere si sarebbe potu­to pro­trarre ben oltre l’inizio del­la sta­gione tur­is­ti­ca, con le immag­in­abili con­seguen­ze e i dis­a­gi per la clien­tela e la popo­lazione», così spie­ga la forza­ta pro­ro­ga dell’appalto dei lavori il vicesin­da­co e asses­sore ai lavori pub­bli­ci Alessan­dro Mat­tin­zoli. La sis­temazione di Orti Man­ara, la pun­ta estrema del­la peniso­la sirmionese da cui si gode un incom­pa­ra­bile panora­ma, era sta­ta inseri­ta nel pro­gram­ma delle opere pub­bliche pas­sato in aula con­sil­iare nell’ultimo scor­cio del 2005. In questo cantiere, l’Amministrazione comu­nale ave­va, però, inclu­so anche la sis­temazione di due strade interne al cen­tro stori­co: via Casel­lo e via Bianchi, la cui pavi­men­tazione è da qualche tem­po scon­nes­sa. Questo per evitare scon­vol­gi­men­ti e dis­a­gi ai res­i­den­ti. Infat­ti i cantieri nel bor­go anti­co di Sirmione cre­ano sem­pre non pochi prob­le­mi alla via­bil­ità. Si trat­ta poi di con­cen­trar­li tut­ti in pochi mesi, quan­do la cit­tad­i­na va in letar­go. Poi, da mar­zo è prati­ca­mente impos­si­bile real­iz­zare lavori stradali o edilizi. Comunque, per la sis­temazione di Orti Man­ara e dell’ingresso alle Grotte di Cat­ul­lo ver­ran­no investi­ti oltre 600 mila euro. Ver­rà abbel­li­ta la bal­cona­ta panoram­i­ca, miglio­ra­to il posteg­gio dei dipen­den­ti del­la Soprint­en­den­za, in pieno accor­do con quest’ultima, inoltre ver­ran­no inserite nuove piante e riqual­i­fi­cati gli olivi esisten­ti, alcu­ni del quali sono sec­o­lari. Insom­ma, l’estremità del­la peniso­la, che si può rag­giun­gere esclu­si­va­mente a pie­di o con il treni­no elet­tri­co (sal­vo par­ti­co­lari deroghe), sarà «riv­o­luzion­a­ta» solo in otto­bre, quan­do la sta­gione tur­is­ti­ca 2006 sarà ormai anda­ta in archiv­io. Quan­to alla Vil­la di Cat­ul­lo negli ulti­mi tem­pi ha vis­to un crescen­do di miglio­ra­men­ti al suo inter­no con l’arrivo di ulte­ri­ori reper­ti e mosaici affio­rati dal ter­ri­to­rio sirmionese che ven­gono con­ser­vati nelle numerose sale. Un pat­ri­mo­nio ines­tima­bile che fa del museo delle Grotte di Cat­ul­lo uno dei pri­mi in Italia per numero di visitatori.

Parole chiave: