Il parcheggio pubblico costerà 375mila euro, già calcolata la possibilità di ulteriori ampliamenti. Lavori al via con il nuovo anno, previsto uno spazio per concerti

Piscine, posti per 350 auto

05/12/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

Con gen­naio, dopo la posa del­la pri­ma pietra del cen­tro piscine, par­ti­ran­no anche i lavori per la costruzione del parcheg­gio pub­bli­co attiguo all’area sporti­va. «L’opera è già sta­ta appal­ta­ta», spie­ga il sin­da­co Davide Bendinel­li, «e andrà a com­pletare il cen­tro sporti­vo di local­ità Ris­are, così all’apertura delle piscine l’intera area sarà fini­ta, con un impeg­no di spe­sa tra i più impo­nen­ti per il nos­tro comune». Il cos­to pre­ven­ti­va­to per il parcheg­gio è di 375 mila euro. Il prog­et­to del piano parcheg­gi prevede la real­iz­zazione di 188 posti macchi­na, 4 posti per dis­abili, 3 per pul­mann e 24 per moto­ci­cli, da aggiun­gere a un centi­naio di posti auto pre­visti all’interno del cen­tro piscine e ad una cinquan­ti­na pre­visti nell’area attigua, per un totale di cir­ca 350 posti macchi­na. Facen­do quat­tro cal­coli, se come ha dichiara­to Christoph Atzwanger ammin­is­tra­tore del­e­ga­to Aqua­park (soci­età che gestirà il cen­tro nata­to­rio) le attese sono di 300 mila pre­sen­ze l’anno, dis­tribuite dovreb­bero attes­tar­si da qualche centi­na­ia a una o duemi­la al giorno, specie nei fine set­ti­mana estivi, con­sid­er­a­to che ci sono anche campi di cal­cio e quat­tro campi di ten­nis. Sul dub­bio se saran­no suf­fi­ci­en­ti i posti macchi­na pre­visti, il sin­da­co si dice sicuro del­la cop­er­tu­ra e spie­ga: «Provi­amo a cal­co­lare 700 o anche mille per­sone al giorno, arriver­an­no in più d’una per auto e si altern­er­an­no nell’arco del­la gior­na­ta, quin­di i posti auto saran­no più che sufficienti».Non ci sono prob­le­mi neanche alla domeni­ca, sec­on­do Bendinel­li: «Il cen­tro ten­nis ha già 35 posti che coprono le sue neces­sità. Ci sono cir­ca altri cen­to posti dis­tibuiti sulle vie vicine e se anco­ra non dovessero bastare, ci sono duemi­la metri qua­drati di area comu­nale lib­era, che un domani potran­no essere des­ti­na­ta a parcheg­gio. Ma poiché siamo con­vin­ti saran­no più che suf­fi­ci­en­ti così, per il momen­to real­izzi­amo questo parcheg­gio». L’area di pro­pri­età comu­nale che sarà uti­liz­za­ta per il parcheg­gio è di 9.174 metri qua­drati, in buona parte ster­ra­ta e allo sta­to attuale depos­i­to di mate­ri­ale inerte. Il ter­reno è ret­tan­go­lare, con una lun­ga appen­dice che da via Pinci­ni por­ta a via Turisendo. L’area con­fi­na a nord con la scarpa­ta di cir­ca tre metri e mez­zo che sep­a­ra il Park Hotel Oasi, men­tre sui lati sud e ovest il parcheg­gio si apre ver­so le strade esisten­ti del­la zona res­i­den­ziale. I prog­et­tisti han­no pre­vis­to l’area parcheg­gio non solo come infra­strut­tura a servizio delle attiv­ità sportive, ma anche come spazio nuo­vo dell’immagine urbana del quartiere, con una zona a verde attrez­za­to e piantu­ma­to di cir­ca 1500 metri quadri sul lato nord ovest. Lo spazio cen­trale del parcheg­gio, invece, sarà volu­ta­mente man­tenu­to libero da alber­a­ture, per pot­er essere uti­liz­za­to in occa­sione di gran­di man­i­fes­tazioni pub­bliche o even­ti musicali.I posti auto saran­no a pet­tine, con tre varchi di acces­so e usci­ta al parcheg­gio: uno in cor­rispon­den­za di via Pinci­ni, uno di fronte ai campi sportivi e uno all’ingresso del cen­tro piscine. All’interno del parcheg­gio sono sta­ti pre­dis­posti dei per­cor­si pedonali che saran­no evi­den­ziati con diver­sa col­orazione del­la pavi­men­tazione e col­legher­an­no le zone di sos­ta con i mar­ci­apie­di. La pavi­men­tazione sarà in man­to asfal­ta­to fine sulle cor­sie di mar­cia e di mas­sel­li auto­bloc­can­ti ad alta capac­ità drenante sulle aree a parcheg­gio. Tut­ta la zona a parcheg­gio ver­rà con­tor­na­ta da un cor­do­lo perime­trale. Le aiuole, a pra­to, saran­no piantu­mate con alberi orna­men­tali e mac­chie con olivi, cipres­si e ole­an­dri, con irrigazione auto­mat­i­ca. L’illuminazione sarà assi­cu­ra­ta con quat­tro pali alti otto metri, provvisti di tre lam­pade, men­tre l’area verde sarà illu­mi­na­ta da lam­pi­onci­ni alti quat­tro metri.