La San Martino ora è una onlus votata al sociale

Più servizi agli anziani

05/03/2004 in Attualità
Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
Sergio Bazerla

Dal 1999 a oggi la «San Mar­ti­no in Calle» ne ha fat­ta di stra­da. Da asso­ci­azione filantrop­i­ca a vera e pro­pria Onlus per le attiv­ità di volon­tari­a­to. Dall’idea di pochi ami­ci del­la Calle (pri­ma per rimet­tere in pie­di l’an­ti­ca fes­ta di San Mar­ti­no, patrono di Lazise) a vero e pro­prio movi­men­to asso­cia­ti­vo di volon­tari per le attiv­ità di aiu­to e soc­cor­so civi­co e san­i­tario. Le mod­i­fiche statu­tarie sono mat­u­rate in seno all’as­so­ci­azione gui­da­ta da Maria Fiorel­la Azza­li dopo un lun­go momen­to di rif­les­sione sul volon­tari­a­to lacisiense. Alla luce dei risul­tati ottenu­ti — soprat­tut­to con il servizio di accom­pa­g­na­men­to e di trasporto di anziani, malati e bisog­nosi nelle strut­ture san­i­tarie per esa­mi e vis­ite spe­cial­is­tiche -, la San Mar­ti­no in Calle ha pre­so la deci­sione di mod­i­fi­care lo statu­to e di divenire una onlus del volon­tari­a­to a tut­ti gli effet­ti. L’assem­blea, riu­ni­tasi al cen­tro gio­vanile par­roc­chiale per approvare bilan­cio con­sun­ti­vo e quel­lo pre­ven­ti­vo 2004, ha vota­to in maniera unanime anche il nuo­vo statu­to. Ora quin­di la San Mar­ti­no è una vera e pro­pria asso­ci­azione che opera nel sociale a fian­co di chi è meno for­tu­na­to. Offre gra­tuita­mente car­rozzelle, tripo­di, stam­pelle a chi ne ha momen­tanea neces­sità, esegue il trasporto agli ospedali per anziani o per chi non ha mezzi di trasporto, opera con le asso­ci­azioni pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio (, Aido, ), con le par­roc­chie di Lazise, Colà e Pacen­go e, pur essendo di ispi­razione laica, con il Cen­tro aiu­to vita di e con il Comune. Nel­l’an­no appe­na trascor­so ha eroga­to con­tribu­ti, su prog­et­to, a suor Bruna Imel­da per la real­iz­zazione di un poliambu­la­to­rio medico a Lucala, in Ugan­da, alle scuole di Lazise, agli alpi­ni del­la del bas­so lago, al Cen­tro aiu­to vita di Bar­dolino. In tut­to, cir­ca 10 mila euro. La San Mar­ti­no adesso è anche in rete. Ha cre­ato il sito inter­net www.sanmartinoincalle.it dove è pos­si­bile reperire numeri tele­foni­ci per la preno­tazione dei servizi e per conoscere le attiv­ità del sodal­izio. San Mar­ti­no in Calle parteciperà alle attiv­ità di volon­tari­a­to e sosteg­no dei Mon­di­ali di ciclis­mo che si svol­ger­an­no a Verona e sul Gar­da dal 27 al 29 set­tem­bre. «Sti­amo crescen­do gra­zie all’ap­por­to di tan­ti volon­tari e di tan­ti ami­ci — sot­to­lin­ea Maria Fiorel­la Azza­li — e questo ci grat­i­fi­ca per­chè vuol dire che abbi­amo colto nel seg­no. Nel seg­no del­la solidarietà».

Parole chiave: - -