Sul podio alla guida dell’Orchestra dell’Arena di Verona il M° Daniel Oren

Plácido Domingo e le 20 edizioni di Operalia

16/08/2013 in Concerti, Teatro
Di Luigi Del Pozzo

Mart­edì 20 agos­to alle ore 22.00 ser­a­ta di Gala ded­i­ca­ta al M° Plá­ci­do Domin­go ed alle 20 edi­zioni di Oper­alia, the World Opera Com­pe­ti­tion (1993–2013), con la parte­ci­pazione di alcu­ni vinci­tori degli ulti­mi anni: Inva Mula, Pret­ty Yende, Iri­na Lun­gu, Ana María Martínez, Giuseppe Fil­ian­oti, Ste­fan Pop, Orlin Anas­tassov, Car­men Gian­nat­ta­sio, Vital­ij Kowaljow.

Sul podio alla gui­da dell’Orchestra dell’ il M° Daniel Oren.

Il Gala Domin­go-Oper­alia, dopo l’esecuzione da parte dell’Orchestra are­ni­ana del­la cele­bre Sin­fo­nia del Nabuc­co, pre­sen­ta arie e duet­ti cele­bri di , Umber­to Gior­dano, Gae­tano Donizetti, Vin­cen­zo Belli­ni, Francesco Cilea, Georges Bizet, Charles Goun­od e Gia­co­mo Puc­ci­ni.

ph Greg Gorman LAO

ph Greg Gor­man LAO

Inau­gu­ra la ser­a­ta il M° Plá­ci­do Domin­go nei pan­ni di Gérard per l’aria “Nemi­co del­la patria?!” dall’Andrea Chénier di Gior­dano. Segue Lin­da di Chamounix di Donizetti con il sopra­no sudafricano Pret­ty Yende, al suo debut­to are­ni­ano, che pre­sen­ta nei pan­ni del­la pro­tag­o­nista “Ah! Tar­dai trop­po… O luce di quest’anima”; pros­egue Iri­na Lun­gu per “Dieu!… Amour, ranime mon courage” dal Roméo et Juli­ette di Goun­od. Un duet­to da I Puri­tani di Belli­ni vede Plá­ci­do Domin­go come Ric­car­do insieme ad Orlin Anas­tassov in Gior­gio per “Il rival sal­var tu dêi… Suoni la trom­ba”. Subito dopo debut­ta in Are­na Giuseppe Fil­ian­oti in Fed­eri­co per “È la soli­ta sto­ria del pas­tore” dall’Arlesiana di Cilea. Nel­la famosa aria del­la Travi­a­ta ver­diana “È stra­no!… è stra­no… Fol­lie! Fol­lie!… Sem­pre lib­era degg’io” Iri­na Lun­gu inter­pre­ta Vio­let­ta Valéry, a cui fa segui­to sem­pre dal medes­i­mo tito­lo operi­s­ti­co lo struggente duet­to “Madamigel­la Valéry” fra Gior­gio Ger­mont, inter­pre­ta­to da Plá­ci­do Domin­go, e Vio­let­ta Valéry ques­ta vol­ta pro­pos­ta da Ana María Martínez al suo esor­dio all’Arena di Verona.

La sec­on­da parte del Gala si apre con il M° Domin­go in Zur­ga e, per la pri­ma vol­ta in Are­na, Ste­fan Pop come Nadir per “C’était le soir!… Au fond du tem­ple saint” da Les Pêcheurs de per­les di Bizet. Segue il Faust di Goun­od con l’aria di Mar­guerite “Ô Dieu! que de bijoux!… Ah! Je ris” inter­pre­ta­ta da Inva Mula. Di nuo­vo Ste­fan Pop come Rodol­fo per “Che gel­i­da man­i­na” dal­la Bohème puc­cini­ana, a cui fa segui­to il duet­to “In un coupé?… O Mimì, tu più non torni” che vede nel ruo­lo di Mar­cel­lo Plá­ci­do Domin­go e di Rodol­fo Giuseppe Fil­ian­oti. Car­men Gian­nat­ta­sio è poi Leono­ra de Il Trova­tore di Ver­di per “Tacea la notte placi­da… Di tale amor”. Segue quin­di l’aria del Duca dal­la Lucrezia Bor­gia di Donizetti, “Vieni: la mia vendet­ta… Qualunque sia l’evento” pro­pos­ta da Vital­ij Kowaljow. Con­clude il duet­to “Udiste? Come albeg­gi” anco­ra dal Trova­tore ver­diano con il M° Domin­go nel Con­te di Luna e Car­men Gian­nat­ta­sio nell’amata Leono­ra.

A propos­i­to di ques­ta ser­a­ta d’eccezione il M° Plá­ci­do Domin­go affer­ma:

«Per me è una grande gioia pre­sentare in Are­na, pro­prio nell’anno del Cen­te­nario del Fes­ti­val liri­co, questi gio­vani artisti, alcu­ni a Verona per la pri­ma vol­ta, in un Gala che sarà indi­men­ti­ca­bile. Da oltre vent’anni il mio impeg­no è riv­olto a Oper­alia, un con­test per gio­vani can­tan­ti che ha carat­ter­is­tiche uniche al mon­do. La pre­sen­za ogni anno di molti vinci­tori sul pal­cosceni­co are­ni­ano è la felice pro­va del grande val­ore di ques­ta com­pe­tizione inter­nazionale».

Oper­alia di Plá­ci­do Domin­go, the World Opera Com­pe­ti­tion quest’anno si svol­gerà pro­prio a Verona, in occa­sione delle cel­e­brazioni del Fes­ti­val del Cen­te­nario dell’Arena.

Domeni­ca 25 agos­to il Teatro Filar­mon­i­co alle ore 20.00 ospiterà la finale dell’edizione 2013 di Oper­alia, con la parte­ci­pazione dell’Orchestra are­ni­ana e sul podio il M° Domin­go.