Lamentele in paese per i disservizi. La causa: tre portalettere in malattia. A giorni la «ripresa»

Posta, niente consegne da ben due settimane

10/01/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Elena Cerqui

Da più di due set­ti­mane ai 4.100 cit­ta­di­ni di Maner­ba non viene con­seg­na­ta la pos­ta, a causa dell’assenza di por­talet­tere. Un dis­servizio inac­cetta­bile, che non si può liq­uidare come un incon­ve­niente passeg­gero, per­chè due set­ti­mane sono lunghe. Dai giorni imme­di­ata­mente prece­den­ti il (pre­cisa­mente dal 20 dicem­bre), infat­ti, i tre por­talet­tere che soli­ta­mente sono imp­ie­gati nel­la dis­tribuzione del­la pos­ta, si sono ammalati, e non han­no potu­to svol­gere il loro lavoro. Cose che cap­i­tano, ma chi di dovere non è sta­toin gra­do di tam­ponare l’emergenza: malati gli addet­ti, il servizio è scom­par­so. La man­ca­ta con­seg­na del­la cor­rispon­den­za ha fat­to insorg­ere gli abi­tan­ti di Maner­ba: in tan­ti non han­no man­ca­to di recar­si all’ufficio postale di via Boschet­ti 3 a lamen­tar­si per­sonal­mente del dis­servizio. Il man­ca­to recapi­to del­la pos­ta per un così lun­go peri­o­do, infat­ti, crea una serie di dan­ni ai cit­ta­di­ni che, chi ha la for­tu­na di rice­vere la pos­ta con rego­lar­ità, non può nem­meno immag­inare. Infat­ti, oltre al man­ca­to arri­vo di auguri o pac­chi natal­izi, non sono state recap­i­tate nep­pure comu­ni­cazioni urgen­ti (come rac­co­man­date e telegram­mi), o i bol­let­ti­ni di paga­men­to delle bol­lette, che così le famiglie rischi­ano di pagare con un sovrap­prez­zo per il ritar­do nel paga­men­to. A questi si aggiun­gono le dif­fi­coltà riscon­trate dalle aziende pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio che non han­no rice­vu­to impor­tan­ti comu­ni­cazioni come fat­ture o avvisi di sca­den­ze. Nep­pure il Comune di Maner­ba e la Pro Loco, ai quali sono giunte le lamentele dei cit­ta­di­ni, sono sta­ti a guardare, e han­no reclam­a­to a loro vol­ta con l’ufficio cen­trale delle di Bres­cia. Nel­la let­tera che il sin­da­co Maria Speziani ha scrit­to si legge come la man­ca­ta con­seg­na del­la cor­rispon­den­za sia sta­ta seg­nala­ta in par­ti­co­lar modo nelle zone di via , Tor­chio, Rol­li e alla Pieve. Già quest’estate, nel peri­o­do delle ferie, la pos­ta non era sta­ta con­seg­na­ta con rego­lar­ità, ma non per un peri­o­do di tem­po così lun­go. Il dis­servizio, in questo caso, non è causato da una cron­i­ca man­can­za di per­son­ale nell’ufficio di Maner­ba, ma da cause di forza mag­giore, come la con­tem­po­ranea malat­tia dei tre por­talet­tere. Dall’ufficio cen­trale di Bres­cia sono sta­ti man­dati dei sos­ti­tu­ti, ma, dato il peri­o­do natal­izio, non è sta­to sem­plice reperire il per­son­ale che, quan­do è arriva­to a Maner­ba, si è trova­to a dover­si dis­tri­care nel nuo­vo stradario, in gior­nate di neve. Da ieri i por­talet­tere sono rien­trati dal­la malat­tia, fan­no sapere dall’ufficio postale garde­sano, e quin­di nel cor­so del­la set­ti­mana ver­rà con­seg­na­ta la cor­rispon­den­za arretra­ta. Con la sper­an­za che il dis­servizio non si ripeta più.

Parole chiave: