L’ex sindaco critica la proposta dell’assessore Vanaria. E subito scoppia la polemica

Posti auto sotto la Rocca. Il progetto nella bufera

21/08/2007 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

L’idea di real­iz­zare un nuo­vo parcheg­gio tra la Roc­ca di Lona­to e il Cor­lo, sec­on­do l’ex sin­da­co Moran­do Peri­ni, non risolverà i prob­le­mi di sos­ta delle auto nel cen­tro stori­co del capolu­o­go. L’ipotesi è sta­ta lan­ci­a­ta dall’assessore alla Rober­to Vanaria, dopo che è tra­mon­ta­to lo stu­dio di fat­tibil­ità di un autosi­lo nel­la piazzetta del­la Torre.Ma a parere di Moran­do Peri­ni i parcheg­gi si devono fare lun­go le diret­tri­ci di prove­nien­za del traf­fi­co e devono essere facil­mente acces­si­bili. «L’attuale parcheg­gio del Cor­lo è più che suf­fi­ciente per sod­dis­fare il flus­si di chi proviene da Bedi­z­zole, Cal­vagese, Sede­na e Bet­to­la — ricor­da Peri­ni -. Dob­bi­amo invece pen­sare a chi arri­va da Bres­cia, Desen­zano e Mon­tichiari. Pro­porre a cos­toro di rag­giun­gere il Cor­lo, alla per­ife­ria nord, sig­ni­ficherebbe con­ges­tionare il cen­tro stori­co. Sarebbe preferi­bile arrestar­li già alla per­ife­ria sud».Dunque sarebbe un inter­ven­to con­tro­pro­du­cente per la via­bil­ità. Peri­ni ricor­da che i parcheg­gi van­no posti pri­ma dell’obiettivo che il vis­i­ta­tore vuole rag­giun­gere, non dopo. Insom­ma mancherebbe una strate­gia di inter­ven­to frut­to di un’analisi del traffico.Sotto la gui­da di Moran­do Peri­ni fu cre­a­ta una rete di tre nuovi parcheg­gi. «Un’operazione che segui­va una pre­cisa metodolo­gia — spie­ga anco­ra Peri­ni — rispet­to alla realtà cit­tad­i­na di un cen­tro stori­co. Per questo moti­vo quan­do ammin­is­tra­vo Lona­to mi sforzai di creare, lun­go l’ampliata via Mon­te­bel­lo, una rete di 3 parcheg­gi: quel­lo del Salmis­ter, che è aper­to e fun­ziona egre­gia­mente, quel­lo di via Antiche Mura, che è sta­to com­ple­ta­to di recente, ma che res­ta zop­po per l’assurda deci­sione di non ren­dere pos­si­bile l’accesso pro­prio dal cen­tro stori­co, e quel­lo di viale Roma, che dove­va sorg­ere in quell’area stan­dard che invece la nuo­va ammin­is­trazione ha prefer­i­to ren­dere edi­fi­ca­bile. In quel com­par­to i parcheg­gi che si real­izzer­an­no non saran­no nem­meno suf­fi­ci­en­ti a sod­dis­fare le esi­gen­ze dei residenti».L’ultimo inter­rog­a­ti­vo riguar­da l’accostamento tra autosi­lo inter­ra­to e la com­praven­di­ta di palaz­zo Carpaneda.«È ormai ris­a­puto l’ inter­es­sa­men­to di un pri­va­to per l’operazione — osser­va Peri­ni — ed è evi­dente che la creazione di parcheg­gi al servizio del­lo stes­so palaz­zo sono aus­pi­ca­bili da parte di tut­ti. Ma non per questo pos­si­amo sven­dere i palaz­zo e men che meno affi­an­care a ques­ta oper­azione altre trat­ta­tive con il pri­va­to, quali ces­sioni di strade comu­nali, creazioni di demani golfisti­ci a Dru­go­lo e quant’altro».Passate le ferie il tema del­la via­bil­ità del capolu­o­go tornerà pre­po­ten­te­mente di attual­ità in autun­no. Set­tem­bre, forse otto­bre. Per tale data l’assessore alla Via­bil­ità Rober­to Vanaria ha infat­ti annun­ci­a­to la pre­sen­tazione di un Piano Traf­fi­co. Si trat­terà di una boz­za aper­ta al con­fron­to con i res­i­den­ti ed i com­mer­cianti, che pro­prio un anno fa si era­no divisi con rac­colte di firme. La divi­sione era tra fau­tori e con­trari all’introduzione sta­bile del sen­so uni­co per cor­so Garibal­di. La stra­da che divide in due par­ti la cit­tad­i­na. Il sin­da­co ha sem­pre aus­pi­ca­to una soluzione equi­li­bra­ta per tut­to il cen­tro. Intan­to, nei prossi­mi mesi, il nucleo anti­co di Lona­to sarà sot­to­pos­to ad un nuo­vo cantiere per la riqual­i­fi­cazione di via Tarel­lo e di piaz­za Mar­tiri del­la Lib­ertà: 400 mila euro nel pri­mo caso e 700 mila nel secondo.

Parole chiave: