Ancora pochi giorni per presentare la richiesta per l’assegnazione degli ormeggi nei porti La concessione sarà annuale, costo 20 euro al metro quadro

Posti barca, siamo al rush finale

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Anco­ra una man­ci­a­ta di giorni a dis­po­sizione per inoltrare la doman­da al Comune, speran­do di ottenere in con­ces­sione un ormeg­gio nei quat­tro por­ti di Desen­zano. Le due date che i diportisti dovran­no anno­tar­si sono il 5 e il 10 novem­bre, giorno ulti­mo per pre­sentare la richi­es­ta. Lo sta­bilisce il ban­do comu­nale mes­so a pun­to dal respon­s­abile del Set­tore Ecolo­gia e reso pub­bli­co nei giorni scor­si. La con­ces­sione dur­erà solo un anno e non sarà, come per il pas­sato, pluri­en­nale. La doman­da in car­ta bol­la­ta dovrà essere com­pi­la­ta sul­l’ap­pos­i­to mod­u­lo in dis­tribuzione negli uffi­ci comu­nali e invi­a­ta, medi­ante rac­co­man­da­ta con rice­vu­ta di ritorno, all’Uf­fi­cio del Pro­to­col­lo Gen­erale. Ogni bus­ta non potrà con­tenere più di una doman­da, pena l’esclu­sione. Per evitare le imman­ca­bili fur­bizie, il Comune anche quest’an­no ha prete­so la pre­sen­tazione di almeno due fotografie del natante e la copia del libret­to di nei casi in cui questo sia pre­vis­to dal­la nor­ma­ti­va sul­la nau­ti­ca da dipor­to. La grad­u­a­to­ria ver­rà sti­la­ta tenen­do con­to delle pref­eren­ze (natan­ti di servizio pub­bli­co, pesca pro­fes­sion­ale, ecc.) e dei posti ris­er­vati, quin­di del­l’or­dine crono­logi­co di pre­sen­tazione delle domande (atten­zione: non saran­no accettate domande per­venute con tim­bro postale antecedente la data del 5 novem­bre). E nel caso di par­ità di req­ui­si­ti? Viene con­fer­ma­to il sorteg­gio, sis­tema odi­a­to da qua­si tut­ti i diportisti per­ché il pos­to bar­ca viene in sostan­za con­ces­so con una lot­te­ria, ma pur sem­pre un sis­tema inat­tac­ca­bile sot­to il pro­fi­lo del­l’e­quità e del­la trasparen­za. Fu l’asses­sore ai Trasporti del­la Regione del­l’e­poca, Ser­gio Moroni, a intro­durre per pri­mo il sorteg­gio. Si era a metà degli anni ’80 e la polem­i­ca mon­ta­va nei por­ti dema­niali a causa del mal­con­tento che ser­peg­gia­va tra i diportisti, sec­on­do i quali i cri­teri di asseg­nazione dei posti bar­ca face­vano acqua. Moroni, stan­co delle dis­cus­sioni e delle polemiche che occu­pa­vano qua­si tut­ti i giorni le pagine dei quo­tid­i­ani, decise di attuare il sorteg­gio. Gli Ispet­torati di Por­to, che allo­ra ave­vano la com­pe­ten­za in mate­ria di nav­igazione e di por­ti dema­niali, diedero il via alle oper­azioni di estrazione (ma solo in quei casi in cui il numero delle domande pre­sen­tate avesse super­a­to la disponi­bil­ità degli ormeg­gi nel por­to), non sen­za qualche malu­more. Tor­nan­do al ban­do comu­nale di Desen­zano, il rego­la­men­to ha fis­sato anche la misura del canone: 20 euro per metro quadra­to di super­fi­cie asseg­na­ta in base alle dimen­sioni del­l’u­nità di nav­igazione, con un canone min­i­mo di 100 euro. Res­ta un dub­bio sul­la quan­tifi­cazione del canone: ver­rà con­teggia­ta rispet­to alla super­fi­cie asseg­na­ta, come recita il ban­do, o in relazione al reale ingom­bro del natante? Per­ché la Regione ha chiar­i­to un anno fa una vol­ta per tutte che il canone si com­misura in base alle effet­tive dimen­sioni del natante. In segui­to a tale pro­nun­cia il Comune ha dovu­to pren­dere in con­sid­er­azione l’«eventualità di resti­tuire gli impor­ti indeb­ita­mente introi­tati negli anni pas­sati». La dura­ta del­la con­ces­sione, inoltre, decor­rerà dal 1 gen­naio 2004 fino al 31 dicem­bre. Nel por­to Pon­tili sono pre­visti 321 ormeg­gi, nel por­to Vec­chio sono 53, nel por­to di Riv­oltel­la 57 e, infine, alla Zat­tera 34.

Parole chiave: