Il servizio esteso ai giorni prefestivi permette all’Azienda ospedaliera di Desenzano di raggiungere performance da record. Manerbio al primo posto per numero di esami del sangue eseguiti al sabato

Prelievi, la flessibilità funziona

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
n.s.

Tem­pes­tiv­ità negli esa­mi, refer­tazione on-line, pun­ti pre­lievi sem­pre più vici­ni a casa e orario…continuato nei giorni pre-fes­tivi. Quat­tro mosse per dare scac­co mat­to alla sem­pre più agguer­ri­ta con­cor­ren­za pri­va­ta. Quat­tro mosse per rilan­cia­re la rete di emo-lab­o­ra­tori degli ospedali per acu­ti che fan­no rifer­i­men­to all’Azienda di Desen­zano. Uno sfor­zo pre­mi­a­to dall’utenza che, soprat­tut­to nel­la Bas­sa, ha resis­ti­to alla ten­tazione di riv­ol­ger­si ai cinque cen­tri pri­vati aper­ti negli ulti­mi tre anni. Il 2005 ha fat­to così reg­is­trare per­for­mance da record nei lab­o­ra­tori d’analisi del sangue di Maner­bio, Desen­zano e Gavar­do. Nell’area cop­er­ta dai tre pre­si­di, il rap­por­to fra prestazioni e baci­no d’utenza è di un quar­to supe­ri­ore alla media regionale. Rispet­to al 2004 poi, il numero dei pre­lievi su pazi­en­ti esterni è cresci­u­to del 14%. La Bas­sa funge da «loco­mo­ti­va» con oltre 75 mila esa­mi, appe­na al di sot­to delle 77.387 prestazioni di Gavar­do che si avvale anche del pre­sidio di Salò. A Desen­zano l’incremento è sta­to del 13,8%. La mossa vin­cente? L’estensione dell’attività ai giorni prefes­tivi. A Maner­bio, dopo il boom del 2004 (+25,4% di pre­lievi), l’afflusso al saba­to è cresci­u­to del 4,6%, un ter­zo rispet­to al 15% di Gavar­do dove la novità si è dif­fusa più grad­ual­mente. «I riscon­tri sull’utenza pre­mi­ano gli sforzi azien­dali — osser­va il pri­mario di Patolo­gia clin­i­ca Bruno Milane­si, repar­to che gestisce i 4,5 mil­ioni di esa­mi emati­ci annu­ali ese­gui­ti dai lab­o­ra­tori dell’azienda -. Nel 2005 a Desen­zano i pre­lievi di saba­to sono sta­ti 4.896 con un sal­do pos­i­ti­vo dell’8%. A Gavar­do si è toc­ca­ta quo­ta 11.400, men­tre Maner­bio detiene il pri­ma­to azien­dale con 14.898 prestazioni pre-fes­tive». «Met­ten­do in cam­po risorse orga­niz­za­tive e finanziarie — aggiunge il diret­tore gen­erale dell’Azienda ospedaliera Mau­ro Borel­li -, abbi­amo dato risposte con­crete ai cit­ta­di­ni che in pas­sato era­no era­no costret­ti a pren­dere un per­me­s­so sul lavoro per effet­tuare un esame del sangue nei giorni feri­ali». Ma l’apertura prefes­ti­va ha col­ma­to le lacune del­la rete ter­ri­to­ri­ale coin­vol­gen­do e poten­zian­do i cen­tri pre­lievi dei dis­tret­ti. Quel­lo di Desen­zano che accor­pa Bedi­z­zole, Lona­to, Maner­ba e Poz­zolen­go ha effet­tua­to 9.573 prestazioni (7.693 nel 2004) con una cresci­ta del 24,4%. L’incremento più con­sis­tente, pari a 50,5 pun­ti per­centuale si è reg­is­tra­to a Maner­ba. Stes­sa ten­den­za anche nei dis­tret­ti di Gavar­do-Salò. «Anche se molti cit­ta­di­ni preferiscono riv­ol­ger­si diret­ta­mente ai due ospedali — spie­ga il pro­fes­sor Milane­si — i dati dei dis­tret­ti sono tut­ti in cresci­ta. Si va dal 5 % di Odolo al 25% d’incremento di Tremo­sine». Tor­nan­do alla Bas­sa, l’attività di pre­lie­vo atti­va­ta nei cen­tri san­i­tari o nelle strut­ture socio-assis­ten­ziali di Bag­no­lo, Pon­te­vi­co, Ghe­di, Verolan­uo­va, Gam­bara, Pral­boino, Seni­ga, Quin­zano e Isorel­la è aumen­ta­to in media del 14%. Intan­to l’Azienda guar­da al futuro. «L’apertura del pun­to pre­lievi alle che in futuro ospiterà anche ambu­la­tori — con­clude Milane­si -, si pone come cen­tro strate­gi­ca per captare l’utenza del vici­no Vene­to». E sem­pre in chi­ave di prospet­ti­va, va inseri­ta la pos­si­bil­ità di refer­tazione telem­at­i­ca degli esa­mi. Per i pazi­en­ti che stan­no effet­tuan­do una ter­apia anti­co­ag­u­lante orale, le anal­isi pos­sono essere spedite via inter­net al medico curante che può pre­scri­vere il gius­to dosag­gio del­la ter­apia per evitare la com­parsa di com­pli­cazioni. Un sis­tema par­ti­co­lar­mente utile per gli anziani spes­so alle prese con prob­le­mi di posolo­gia dei far­ma­ci.

Parole chiave: