Tutti gli anni Toscolano Maderno coglie l'occasione del 1° maggio per premiare i ragazzi.

Premiati i ragazzi della Cartiera

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Anche il min­istro del­l’In­dus­tria, Enri­co Let­ta, ha fat­to per­venire il pro­prio augu­rio. Tut­ti gli anni Toscolano Mader­no coglie l’oc­ca­sione del 1° mag­gio per pre­mi­are i ragazzi. I lavo­ra­tori anziani del­la cartiera, riu­ni­ti in asso­ci­azione, pre­siedu­ta da Gior­gio Bom­bardieri, orga­niz­zano il con­cor­so let­ter­ario “Giro­lamo Marchi”. E chia­mano gli stu­den­ti delle scuole medie a con­frontar­si su una serie di argo­men­ti. Che, quest’ anno, era­no: il rin­no­va­men­to tec­no­logi­co del­la cartiera, i flus­si migra­tori, le sper­anze del 2000, il rap­por­to con gli anziani, una .Gli inseg­nan­ti (Rober­to Righet­ti­ni, Irene Gior­gian­ni, Anto­nio Foglio ed Elis­a­bet­ta Dao­lio) han­no effet­tua­to una pri­ma scre­matu­ra dei temi svolti. Dopodiché la com­mis­sione gui­da­ta da Bruno Tedeschi, il ragion­iere-poeta, ha scel­to i vinci­tori. I loro nomi. Classe 2A: Ester Cal­dana, Sil­via Vicen­ti­ni e Alice Miche­li­ni, men­zione d’onore per Emanuele Guar­nac­cia e Ale­fUsar­di. 2B: Tatiana Muscetta, Elisa Pela­to e Sem­i­na Der-vic; men­zione per Sil­via Cam­pa­nar­di e Diego Hoern­er. 3A: Clau­dio Cos­ta, Elisa Coz­za­glio e Sara Moni­ga; men­zione per Gio­van­ni Cal­dana e Graziano Zam­bi­asi. 3B: Michele D’An­ge­lo, Bar­bara Mari­ni e Michela Ton­in­celli; men­zione per Valenti­na Bigoloni e Semir Dervic.L’auditorium delle scuole era gremi­to: ragazzi, gen­i­tori, pro­fes­sori, il sin­da­co Pao­lo Ele­na, l’ex Sil­vano Boni, gli asses­sori, la ban­da gui­da­ta da Wal­ter Rosa, il pres­i­dente degli alber­ga­tori Mar­cel­lo Beschi, i dipen­den­ti del­la cartiera (è l’azien­da più grossa del­la spon­da bres­ciana). “La scuo­la — ha det­to Giuseppe Auriem­ma, col­lab­o­ra­tore del pre­side — cos­ti­tu­isce le fon­da­men­ta por­tan­ti del­la soci­età. Oltre a istru­ire, deve edu­care, propiziare cor­ret­ti com­por­ta­men­ti e mat­u­rare la con­sapev­olez­za ell’im­por­tan­za che cias­cuno ha nel­la comunità”.Massimo Peri­ni, del­e­ga­to di fab­bri­ca, si è sof­fer­ma­to sui prob­le­mi interni (le mod­i­fiche introdotte sul­la macchi­na con­tin­ua X, che pro­duce car­ta pati­na­ta, obbligano a curare l’ag­gior­na­men­to degli operai), invi­tan­do gli ammin­is­tra­tori comu­nali a can­cel­lare nel nuo­vo piano rego­la­tore la vec­chia pre­vi­sione del mega­por­to. Giro­lamo Marchi, ammin­is­tra­tore del­e­ga­to del­la cartiera, ha par­la­to degli inves­ti­men­ti fat­ti (l’impianto di , uno dei più gran­di d’Eu­ropa, in gra­do di servire una cit­tà di 80 mila abi­tan­ti; l’at­ti­vazione di una cen­trale ali­men­ta­ta a gas metano che, elim­i­nate le emis­sioni inquinan­ti nel­l’aria e il via vai delle auto­bot­ti per il riforn­i­men­to di com­bustibile, con­sente di pro­durre la quan­tità di ener­gia elet­tri­ca e vapore nec­es­saria alla lavo­razione; ecc.), spie­gan­do che bisogn­erà uti­liz­zare ulte­ri­ori spazi. Prob­a­bile che, ali’ inter­no del cam­po degli Ulivi (l’at­tiv­ità calcis­ti­ca si è trasferi­ta nel­lo sta­dio “Ugo Locateli!”), di pro­pri­età del­l’im­pre­sa, ven­ga costru­ito un mag­a­zz­i­no. Sem­bra esista anche la pos­si­bil­ità di real­iz­zare un parcheg­gio per i lavo­ra­tori e i camion.“Per una gen­er­azione come la mia, pri­va di sicurezze, la cartiera è una realtà fon­da­men­tale, un pun­to di rifer­i­men­to, una certez­za occu­pazionale — ha scrit­to una ragaz­za -. Spero che la famiglia Marchi pros­egua anco­ra per molti anni il suo volo su… ali di car­ta”.

Parole chiave: -