Il presidente dell’Azienda speciale, Giuseppe Venturini: «È un riconoscimento per lui che onora anche noi».
Da 40 garantisce le salite verso il Baldo: arriva la stella al merito per Giuseppe Bolognini

Premio alla carriera al «signor funivia»

13/06/2007 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Stefano Joppi

Da quarant’anni in funi­via. A dir il vero la ricor­ren­za, per Giuseppe Bologni­ni, geome­tra in servizio all’Azienda spe­ciale Mal­ce­sine-Monte , scadrà il prossi­mo dicem­bre ma già nei giorni scor­si il dipen­dente del con­sorzio funi­co­lare è sta­to al cen­tro dei pri­mi festeggiamenti.D’altronde il tra­guar­do rag­giun­to dal sol­erte fun­zionario, un uomo schi­vo che non ama la rib­al­ta dei riflet­tori, è in realtà di quel­li da pri­ma­to. Non per nul­la il pri­mo mag­gio scor­so Bologni­ni è sta­to insigni­to dal­la Stel­la al Mer­i­to del Lavoro, onori­f­i­cen­za che il pres­i­dente del­la Repub­bli­ca, su pro­pos­ta del min­istro del Lavoro e del­la Prev­i­den­za Sociale, con­cede a quei dipen­den­ti con­siderati «pro­dut­tori e sosten­i­tori di val­ori morali e civili, esem­pio con­cre­to di fedeltà e abnegazione».Un riconosci­men­to solenne con­seg­na­to nel croso di una altret­tan­to solenne cer­i­mo­nia, nel­la cor­nice del­lo splen­di­do salone del­la Scuo­la Grande San Gio­van­ni Evan­ge­lista a Venezia, alla pre­sen­za di numerose autorità civili, mil­i­tari e reli­giose: era­no pre­sen­ti il vice min­istro ai Trasporti Cesare De Pic­coli, insieme con il prefet­to di Venezia Gui­do Nar­done, il vice pres­i­dente del Con­siglio regionale Car­lo Alber­to Tesserin e il del­e­ga­to del Patri­ar­ca di Venezia.Le dec­o­razioni con­cesse per quan­to riguar­da la provin­cia di Verona sono state in tut­to 14 ma quel­la a Bologni­ni è l’unica asseg­na­ta ad aziende che oper­a­no sul ter­ri­to­rio del Gar­da — Bal­do. Una sto­ria, quel­la del geome­tra Bologni­ni, che con il lago e la grande mon­tagna che gli fa coro­na ha molto a che fare. Assun­to il pri­mo dicem­bre del 1967, con la qual­i­fi­ca di vice seg­re­tario, nel gen­naio del 1981 è sta­to nom­i­na­to seg­re­tario e diri­gente ammin­is­tra­ti­vo. Nel frat­tem­po il Con­sorzio era sta­to trasfor­ma­to in Azien­da Spe­ciale. Nel frat­tem­po il Bal­do e le sue creste vede­vano svilup­par­si sem­pre di più la pro­pria attrat­ti­va tur­is­ti­ca, soprat­tut­to per i vis­i­ta­tori esteri.Cambiavano le esi­gen­ze, obbli­gan­do la tec­ni­ca ad aggiornar­si: la vec­chia funi­via aper­ta nel 1962 venne sos­ti­tui­ta nel 2002 dal mod­ernissi­mo impianto con cab­ine rotan­ti uni­co al mon­do e anche la strut­tura direzionale e oper­a­ti­va fu adat­ta­ta alle nuove esigenze.Soddisfazione per il riconosci­men­to asseg­na­to a Bologni­ni è sta­to espres­sa dal pres­i­dente del­la funi­via Giuseppe Ven­turi­ni, il quale ha ril­e­va­to come l’ambito tra­guar­do pre­mi non solo il lavoro e la pro­fes­sion­al­ità del suo col­lab­o­ra­tore, ma anche un impor­tante riconosci­men­to per lo stes­so con­sorzio funi­viario Mal­ce­sine-Monte Bal­do.

Parole chiave: