A Gabriella Poli, Roberto Puliero, Sara Simeoni ed Emilio Fede, assegnato il Premio Internazionale Nodo d’Amore 2008” . La cerimonia di consegna il prossimo 17 giugno

Premio internazionale Nodo d’Amore 2008

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

La pre­mi­azione avver­rà durante la 15° edi­zione del­la stor­i­ca Fes­ta del Nodo d’Amore indet­ta dal comune di Valeg­gio sul Min­cio e dall’Associazione Ris­tora­tori, alla pre­sen­za di 4.500 con­vi­tati sedu­ti ad una tavola imban­di­ta lun­go il Ponte Vis­con­teo a Borghet­to di Valeg­gio sul Min­cio con la parte­ci­pazione delle mas­sime autorità locali e nazion­ali, con 200 gior­nal­isti e tele­vi­sioni ital­iane ed estere. In quell’occasione ver­ran­no con­seg­nati i pre­mi gior­nal­is­ti­ci inter­nazion­ali “Il Nodo d’Amore 2008” a Gabriel­la Poli, Rober­to Puliero, Sara Sime­oni, Emilio Fede, con­sis­ten­ti in una artis­ti­ca creazione in oro del mae­stro orafo Alber­to Zuc­chet­ta, coor­di­na­tore del Pre­mio. La Giuria è pre­siedu­ta da Michelan­ge­lo Belinet­ti assieme ad altri illus­tri per­son­ag­gi quali Vis­con­ti di Mod­rone, Romano Bra­cali­ni, Cosi­mo Mez­zano, Francesco Gen­tile e Gian­ni Veronesi.Il piat­to in ceram­i­ca, real­iz­za­to a Vietri sul mare, che ogni anno viene con­seg­na­to ai parte­ci­pan­ti del banchet­to sul Ponte Vis­con­teo, è sta­to dis­eg­na­to dal mae­stro Alber­to Zuc­chet­ta e raf­figu­ra il “Pag­gio” che tiene in evi­den­za il mod­el­lo del Castel­lo Scaligero­da offrire agli astan­ti, come si usa­va in epoca Rinascimentale.La novità che spic­ca, tra gli even­ti dell’edizione 2008 è la real­iz­zazione di un’Opera di Teatro Musi­cale “Il nodo d’Amore” con la regia del mae­stro giap­ponese Kuni­a­ki Ida, docente al Pao­lo Gras­si di , che ha fir­ma­to altre pro­duzioni come “Il seg­re­to di Mozart”, rap­p­re­sen­ta­to l’anno scor­so al Teatro Romano di Verona. L’opera sarà rap­p­re­sen­ta­ta in antepri­ma la sera del 2 giug­no al Par­co gia­rdi­no Sig­urtà. ELENCO PREMIATIPREMIO GIORNALISTICO “Valeg­gio e il suo ter­ri­to­rio” a GABRIELLA POLIMo­ti­vazione: Per aver scrit­to sul­la riv­ista Taste vin, diret­ta da Anni­bale Tof­fo­lo, l’articolo “Il nodo d’amore incate­na arte, cul­tura e gour­mand” descriven­do con pro­fes­sion­al­ità, calore e sen­ti­men­to il ruo­lo inci­si­vo del­la leggen­da del Nodo d’amore sul tes­su­to cul­tur­ale e pro­dut­ti­vo del ter­ri­to­rio di Valeg­gio sul Mincio.Quindi mer­i­tatis­si­mo il pre­mio per il gior­nal­is­mo “Nodo d’Amore” 2008 PREMIO “Sport e cul­tura” a ROBERTO PULIERO­Mo­ti­vazione: div­i­den­dosi tra Teatro di prosa, Tele­vi­sione, come cre­atore di gus­to­sis­si­mi per­son­ag­gi, e radiocronache vis­sute al segui­to da decen­ni del­la squadra di cal­cio dell’Hellas Verona, trasmet­ten­do al vas­to pub­bli­co di sportivi, con inna­to entu­si­as­mo e sen­ti­men­to, le gioie e i dolori del­la squadra del cuore, e, con poliedri­ca sfac­cettatu­ra, facen­do riv­i­vere, alli­etan­do­ci con la sua arte e il suo amore, tutte le più belle comme­die di teatro dialettale.All’artista Rober­to Puliero, il pre­mio “Nodo dAmore – Sport cul­tura” 2008PREMIO “I miti del­lo Sport” a SARA SIME­ON­I­Mo­ti­vazione: E’ sta­ta con­sid­er­a­ta l’atleta veronese del sec­o­lo e siamo sicuri che lo sarà per tan­ti altri sec­oli anco­ra. Era il 4 agos­to del 1978 quan­do, nel­lo sta­dio di Bres­cia, Sara rag­giunge la vet­ta di 2 metri e un cen­timetro altez­za che mai nes­suna atle­ta al mon­do era rius­ci­ta a rag­giun­gere. Un bal­zo stra­or­di­nario ver­so il cielo che l’ha incoro­na­ta cam­pi­ones­sa al mon­do di salto in alto. Ha salta­to per ben ven­ti sta­gioni, dai tredi­ci ai trenta­tre anni. Ses­ta alle Olimpia­di di Mona­co, con 1,85, sec­on­da a Mon­tre­al, con 1,91, medaglia d’oro a Mosca, con 1,97 e sec­on­da a Los Ange­les, con 2 metri. Valeg­gio sul Min­cio ha volu­to ricor­dar­la in occa­sione del­la XV edi­zione del­la Fes­ta del Nodo d’amore con il pre­mio “I miti del­lo Sport” . Una leggen­da non solo di Sport ma di grande uman­ità. Un fulgi­do esem­pio per i gio­vani d’oggi.Sara Sime­oni, pre­mio “Nodo d’Amore – I miti del­lo Sport” 2008PREMIO TELEVISIONE “Per­son­ag­gio dell’anno” a EMILIO FEDE­Mo­ti­vazione: Gior­nal­ista e per­son­ag­gio di prim’ordine nel panora­ma dell’informazione del­la tele­vi­sione ital­iana, gode del­la sim­pa­tia di un vastis­si­mo pub­bli­co per le sue stra­or­di­nar­ie doti pro­fes­sion­ali e per la sua grande spon­tanea uman­ità. Nell’assegnarli il pres­ti­gioso rionosci­men­to, la Giuria ha indi­vid­u­a­to come il sen­ti­men­to che esprime la Leggen­da Nodo d’amore, sia stao inter­pre­ta­to ai liv­el­li più alti dal pre­mi­a­to in ogni cir­costan­za del­la sua bril­lante leggen­dria carriera.Emilio fede, pre­mio “Nodo d’amore” 2008 per­son­ag­gio dell’anno

Parole chiave: