Premio Valtenesi: narrativa per ragazzi

Parole chiave:
Di Luigi Del Pozzo

Si è svol­ta a Polpe­nazze del Gar­da la cer­i­mo­nia di pre­mi­azione del­la XXVI edi­zione del “Pre­mio Valte­n­e­si per ragazzi”, un’iniziativa nata nel 1988 da un’idea di Piergiuseppe Pasi­ni per pro­muo­vere la let­tura pres­so gli stu­den­ti delle scuole sec­on­darie di pri­mo gra­do del­la Valte­n­e­si e di local­ità lim­itrofe, giun­ta sino ai nos­tri giorni con sem­pre rin­no­va­to entusiasmo.

Il Pre­mio è sta­to orga­niz­za­to dal Sis­tema Bib­liote­cario del­la Valte­n­e­si con il patrocinio del­la Provin­cia di Bres­cia e la col­lab­o­razione del Sis­tema Bib­liote­cario coor­di­na­to del Nord-est bresciano.

La giuria del Pre­mio, che ha vis­to in gara 18 lib­ri per ragazzi di autori ital­iani viven­ti, è com­pos­ta esclu­si­va­mente dagli stu­den­ti delle scuole sec­on­darie di pri­mo gra­do del­la Valte­n­e­si e di local­ità lim­itrofe, i quali han­no con­seg­na­to cir­ca 250 schede di val­u­tazione, con­fer­man­do il suc­ces­so dell’iniziativa.

Il libro più let­to è sta­to “Conosci i tuoi pol­li” scrit­to da Enzo Fileno Barab­ba per  Edi­zioni Rever­ie, un tito­lo e una cop­er­ti­na diver­ten­ti e provo­ca­tori che han­no attrat­to gli stu­den­ti ma non han­no por­ta­to grande con­sen­so nelle val­u­tazioni finali. Men­tre altre sto­rie, forse meno irriv­er­en­ti nel­la pre­sen­tazione, ma che affronta­vano ques­tioni dif­fi­cili come l’anoressia, la lib­ertà di stu­dio delle donne, la dis­lessia dei bam­bi­ni, han­no saputo far brec­cia nel cuore e nel giudizio di questi pread­o­les­cen­ti, che si dimostra­no così davvero inter­es­sati al mon­do che li circonda.

Il libro che ha più ispi­ra­to i ragazzi nell’elaborazione di dis­eg­ni e testi è sta­to “S.o.s cer­co musi­ca dis­per­ata­mente” di Gabriel­la San­ti­ni, Raf­fael­lo Ragazzi, che è anche il roman­zo clas­si­fi­catosi al pri­mo pos­to. L’autrice pro­prio il 31 mag­gio alle ore 10, nel­lo stes­so momen­to in cui si è tenu­to il Pre­mio Valte­n­e­si, era a Pon­tremoli, una dei cinque autori selezionati alla finale del con­cor­so Ban­car­elli­no (in cui si è clas­si­fi­ca­ta al ter­zo pos­to), per cui ha potu­to ess­er pre­sente solo con una let­tera di ringrazi­a­men­to. A riti­rare il pre­mio è sta­ta Simona dell’Orto, grafi­ca ed illus­tra­trice del libro, che ha spie­ga­to come ci si approc­cia alla inter­pre­tazione “visuale” di un testo.

Il sec­on­do pos­to è anda­to al libro “Ste­fano e il mis­tero del­la chi­ave solare” di Gio­van­ni Sig­noriel­lo, pub­bli­ca­to dal­la pic­co­la ed inter­es­sante casa editrice  Kaba Edi­zioni. L’autore ha scrit­to ques­ta sto­ria per i suoi due bam­bi­ni, Ste­fano e Sara, che era­no pre­sen­ti alla pre­mi­azione assieme al loro papà.

Il libro che si è clas­si­fi­ca­to ter­zo è “Tut­to il cielo pos­si­bile”, di Lui­gi Bal­leri­ni e Benedet­ta Bon­figli­oli, pub­bli­ca­to da Edi­zioni Piemme. Poiché gli autori non han­no potu­to ess­er pre­sen­ti, han­no promes­so che l’anno prossi­mo ver­ran­no a incon­trare una classe di ragazzi, per rispon­dere alle domande di questi entu­si­asti lettori.

Oltre agli scrit­tori sono sta­ti pre­miati sei ragazzi per i loro elab­o­rati, i migliori per orig­i­nal­ità, cor­ret­tez­za, flu­id­ità e coeren­za tra ben 145 testi inviati alla com­mis­sione e rel­a­tivi a uno dei per­cor­si pro­posti: finale diver­so, let­tera all’autore, inter­vista ad un personaggio.

Questi i nomi dei pre­miati: Berto­let­ti Mar­ti­no e Fras­sine Francesca del­la scuo­la “28 mag­gio 1974” di Padenghe, Leali Cate­ri­na e Poinel­li Sara del­la scuo­la “A. Zanel­li” di San Felice, Tono­li Francesco e Simon Lar­isa Paula del­la scuo­la “28 mag­gio 1974” di Maner­ba. Una men­zione spe­ciale è anda­ta anche a Galeazzi Matilde del­la scuo­la di Sab­bio Chiese per la sua let­tera all’autore del libro “Cuore tes­tar­do” di Nico­la Cinguet­ti, Edi­zioni San Paolo.

Anche quest’anno gli stu­den­ti pote­vano pre­sentare un dis­eg­no del­la cop­er­ti­na, e ben 245 di loro han­no elab­o­ra­to vere e pro­prie opere da pro­fes­sion­isti dell’arte. Sono sta­ti pre­miati Mar­ti­ni Ele­na, Gre­gori Alessan­dro e De Lucia Gabriele del­la scuo­la “28 mag­gio 1974” di Padenghe.

Il pre­mio alla classe più meritev­ole è sta­to asseg­na­to alla classe 3E di Padenghe, che si è dis­tin­ta per la quan­tità sia delle schede di val­u­tazione com­pi­late, sia degli elab­o­rati scrit­ti e grafi­ci real­iz­za­ti; e ha così dimostra­to, con numeri impor­tan­ti , l’impegno dei ragazzi e dei loro pro­fes­sori, ma soprat­tut­to ha dato viva tes­ti­mo­ni­an­za del loro amore per i libri.

Parole chiave: