Intesa tra scuola, Comune e Provincia per i lavori all’edificio delle superiori

Prende forma il sogno di una grande scuola

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

I prog­et­ti sono qua­si pron­ti e, tra feb­braio e mar­zo del prossi­mo anno, ver­rà indet­ta la gara d’appalto, poi potran­no com­in­cia­re i lavori. Per­chè ci sono anche i fon­di e non più man­ca niente.Finalmente, le nuove otto aule che andran­no a risol­vere i croni­ci prob­le­mi di caren­za di spazi per le clas­si e per i lab­o­ra­tori dell’istituto pro­fes­sion­ale per geometri e tur­is­mo «Bazoli-Polo» di Desen­zano saran­no una realtà.L’impegno è sta­to pre­so uffi­cial­mente tra l’assessore provin­ciale ai lavori pub­bli­ci , il sin­da­co di Desen­zano Cino Anel­li accom­pa­g­na­to dagli asses­sori ai lavori pub­bli­ci Pao­lo Abate e alla pub­bli­ca istruzione Emanuele Gius­tac­chi­ni nel cor­so di un incon­tro allarga­to ai ver­ti­ci del con­siglio d’istituto, ai comi­tati dei gen­i­tori ed al pre­side prof. Gior­gio Mon­ta­nari. Dunque, le pre­vi­sioni sono che per l’anno sco­las­ti­co 2009/2010 le nuove aule potran­no essere disponibili.La nuo­va costruzione inter­esserà parte del parcheg­gio che si tro­va a ridos­so del­la scuo­la il cui ingres­so prin­ci­pale dà su via Giot­to, zona piscine.Questo risul­ta­to è sta­to pos­si­bile, però, gra­zie alle inces­san­ti sol­lecitazioni e prese di posizione, tal­vol­ta anche dure ma sem­pre nell’alveo del dial­o­go e del­la cor­ret­tez­za, di un grup­pet­to di gen­i­tori i cui figli era­no ovvi­a­mente quel­li costret­ti a pere­grinare da un’aula all’altra, da due anni, per la man­can­za di spazi.Una soluzione tam­pone ricer­ca­ta dal pre­side Mon­ta­nari e dal con­siglio d’istituto fu allo­ra di chi­ud­ere due lab­o­ra­tori e rior­ga­niz­zare gli orari, rica­van­do degli spazi per tutte le tre clas­si itineranti.Un grup­po di gen­i­tori, abbi­amo scrit­to. Infat­ti, uno di loro non dimen­ti­ca le tante richi­este di ade­sione ad altre famiglie rimaste qua­si sem­pre inascoltate per ragioni di sfidu­cia nei con­fron­ti del­la classe polit­i­ca e che invece avreb­bero potu­to pesare maggiormente.Comunque, sia il Comune che la Provin­cia han­no invece rispos­to, met­ten­do a bilan­cio risorse finanziarie e mezzi per risol­vere il prob­le­ma-aule dell’istituto di via Giot­to. Tra gli intervenuti,Mauro Paroli­ni ha con­corda­to che lo sta­bile attual­mente non è più suf­fi­ciente, dunque è gius­ti­fi­ca­to un suo ampli­a­men­to a causa dell’aumento delle iscrizioni. Il comune di Desen­zano, da parte sua, met­terà a dis­po­sizione qua­si 300 mila euro. Gius­tac­chi­ni si è det­to, infine, sod­dis­fat­to per il cli­ma costrut­ti­vo tra gen­i­tori, scuo­la e ammin­is­trazioni.[

Parole chiave: