Scatta sabato 19 novembre la Settimana Europea sulla Riduzione dei Rifiuti, (in italiano SERR, in inglese EWWR che sta per European Week Waste Reduction).

Presentata da Garda Uno l’APP per districarsi nella gestione dei rifiuti

Parole chiave: -
Di Redazione

Che cosa pro­pone per i cit­ta­di­ni dei comu­ni nei quali gestisce i rifiu­ti urbani in occa­sione del­la SERR?

Un’applicazione mobile gra­tui­ta (iOS e Android) per i cit­ta­di­ni dei comu­ni inter­es­sati atti­va e scar­i­ca­bile a par­tire da oggi dai rel­a­tivi store. L’iniziativa è sta­ta pre­sen­ta­ta e illus­tra­ta oggi, mart­edì 15 novem­bre, nel cor­so di una con­feren­za stam­pa alla pre­sen­za del pres­i­dente di Gar­da Uno SpA, , del diret­tore tec­ni­co del Set­tore Igiene Urbana Mas­si­mo Ped­erci­ni e da Ste­fa­nia Fai­ni. Sem­pre nel cor­so dell’incontro con la stam­pa, i ver­ti­ci del­la multi­u­tiliy han­no anche illus­tra­to il nuo­vo prog­et­to “Forse non sai che…” e la parte­ci­pazione alla Set­ti­mana Euro­pea per la Riduzione dei Rifiu­ti, in pro­gram­ma da saba­to 19 a domeni­ca 27 novem­bre.

Tor­nan­do alla nasci­ta del­la nuo­va appli­cazione, idea­ta e allesti­ta da Palmabit, azien­da leader in appli­cazioni mobili e tec­nolo­gie infor­matiche, sarà pos­si­bile rice­vere una molti­tu­dine di infor­mazioni sul cal­en­dario sem­pre aggior­na­to del­la rac­col­ta rifiu­ti del pro­prio Comune, sui  Cen­tri di Rac­col­ta (orari d’apertura in tem­po reale, col­lega­men­to con il nav­i­ga­tore del pro­prio smart­phone per rag­giun­gere il più vici­no Cen­tro di Rac­col­ta). L’applicazione avvisa per tem­po quan­do bisogna esporre i rifiu­ti e, inoltre, con­tiene l’ABC dei rifiu­ti, una gui­da det­tagli­a­ta con più di 400 voci. L’utente inter­es­sato ricev­erà avvisi sul pro­prio smart­phone, (ad esem­pio in caso di imped­i­men­ti alla rac­col­ta per lavori stradali) e news aggior­nate. La nuo­va app si può scari­care da app.gardauno.it, men­tre ulte­ri­ori infor­mazioni sono pre­sen­ti anche sul sito gardauno.it.

Il prog­et­to “Forse non sai che…” ha, invece, l’obiettivo di poten­ziare il rici­clag­gio e la rac­col­ta di frazioni leg­gere, quali gli oli min­er­ali e veg­e­tali, i far­ma­ci e le pile, le lam­pa­dine e i neon, i tap­pi di sug­hero e il ton­er, e anco­ra, gli abiti e gli accu­mu­la­tori di auto. “Si trat­ta” ha spie­ga­to il diri­gente Mas­si­mo Ped­erci­ni “ di un’operazione che toc­ca i det­tagli, vol­ta a sen­si­bi­liz­zare la popo­lazione e le aziende, ma anche a coin­vol­gere pun­ti ven­di­ta, strut­ture ricettive e sco­las­tiche che diven­tano pun­ti di rac­col­ta per accogliere questi rifiu­ti che, altri­men­ti, potreb­bero finire in quel­li indif­feren­ziati”.

Sti­amo par­lan­do, in deter­mi­nati casi, di rifiu­ti peri­colosi (pile e bat­terie) o, in altri casi, poco con­siderati, come l’olio veg­e­tale. I loro pun­ti di rac­col­ta ver­ran­no ampliati prossi­ma­mente nelle scuole, nei negozi e negli eser­cizi pub­bli­ci, ovvi­a­mente con l’adesione e la col­lab­o­razione delle rispet­tive strut­ture. Atten­zione: non tut­ti i rifiu­ti potran­no essere smalti­ti dap­per­tut­to, ma pro­prio nei pun­ti più utili, ovvero i tap­pi nelle enoteche e nei ris­toran­ti, le pile e lam­pa­dine nelle tabac­cherie, car­to­lerie e scuole. Tut­ti i pun­ti di rac­col­ta saran­no map­pati nel­la APP e nel sito inter­net gardauno.it.

Il prog­et­to “Forse non sai che…”, parte­ci­pa alla Set­ti­mana Euro­pea sul­la Riduzione dei Rifiu­ti, un’iniziativa di coor­di­na­men­to e pro­mozione di com­por­ta­men­ti vir­tu­osi e sosteni­bili pro­mossa dall’Unione Euro­pea con uno speci­fi­co prog­et­to Life+. Le diverse inizia­tive orga­niz­zate da aziende, ammin­is­trazioni pub­bliche o sem­pli­ci cit­ta­di­ni e tan­ti sug­ger­i­men­ti per la vita quo­tid­i­ana sono con­sulta­bili sul sito nazionale del­la set­ti­mana www.menorifiuti.org/it o sul sito mul­ti­lingue europeo www.ewwr.eu/it. La set­ti­mana Euro­pea sul­la Riduzione dei Rifiu­ti si svolge da diver­si anni con cres­cente suc­ces­so di ade­sioni, alcune migli­a­ia in tut­ta Europa. Anche il prog­et­to Gar­da Uno “Forse non sai che…” inseg­na come ridurre i rifiu­ti, sia tramite il rici­clag­gio, che tramite la pre­ven­zione: fac­ciamo un esem­pio? Il cit­tadi­no che acquista pile ricar­i­ca­bili al pos­to di quelle nor­mali evi­ta la pro­duzione  di decine di pile esauste.

Ben­in­te­so: app, map­patu­ra e pun­ti di rac­col­ta non si fer­mano dopo una set­ti­mana  ma pros­eguiran­no nel tem­po per con­tin­uare a ridurre e gestire bene i rifiu­ti.

mario-bocchio-a-dx-e-massimo-pedercini-garda-unobis

 

Parole chiave: -