L’evento che animerà la Rocca cittadina nel week-end dal 12 al 14 marzo 2010. Il Mercato europeo del commercio ambulante creerà un autentico caleidoscopio di forme e sapori tipici delle regioni italiane e di altre d’Europa, per una 20ina di Paesi presenti. Al padiglione “eventi”: esposizioni e degustazioni di prodotti gardesani.

Presentato il Mercato europeo: dal 12 al 14 marzo in Rocca a Lonato del Garda

Di Luca Delpozzo

Si è svol­ta ques­ta mat­ti­na, pres­so il munici­pio di Lona­to del Gar­da, la con­feren­za stam­pa di pre­sen­tazione del Mer­ca­to europeo del com­mer­cio ambu­lante: la man­i­fes­tazione di carat­tere com­mer­ciale, arti­gianale e cul­tur­ale che rav­viverà la Roc­ca cit­tad­i­na da ven­erdì 12 a domeni­ca 14 mar­zo 2010. L’evento è pro­mossa dal­la e da Fiva Con­f­com­mer­cio (Fed­er­azione ital­iana ven­di­tori ambu­lan­ti e su aree pub­bliche), con l’immancabile sosteg­no dell’Assessorato comu­nale al Com­mer­cio e la parte­ci­pazione del­la .Un centi­naio di banchi allesti­ti da ambu­lan­ti ital­iani e stranieri, prove­ni­en­ti da cir­ca 20 Pae­si, riem­pi­ran­no gli spazi interni ed esterni del­la Roc­ca vis­con­teo-vene­ta di Lona­to, il ven­erdì pomerig­gio (dalle 15 alle 23) e nelle gior­nate di saba­to e domeni­ca (dalle 9 alle 23).“Tanti volti per un uni­co mer­ca­to” è il mot­to del­la man­i­fes­tazione che per la sec­on­da vol­ta attrac­ca nel bas­so Gar­da: dopo Maner­ba, toc­ca a Lona­to del Gar­da con la sua loca­tion stra­or­di­nar­ia, dal pun­to di vista cul­tur­ale, architet­ton­i­co e paesaggistico.Come ha pre­cisato il sin­da­co del­la cit­tà , «un gra­zie par­ti­co­lare va  alla Regione Lom­bar­dia e all’assessore Fran­co Nicoli Cris­tiani che, insieme a Fiva Con­f­com­mer­cio, han­no por­ta­to a Lona­to ques­ta idea. Già lo scor­so anno la man­i­fes­tazione dove­va fare tap­pa a Lona­to del Gar­da. Ora, gra­zie all’ospitalità con­ces­sa dal­la Fon­dazione Ugo da Como non solo l’avremo nel­la nos­tra cit­tà ma si svol­gerà anche in un sito par­ti­co­lar­mente adat­to a ospitare gli stand di ital­iani ed europei».Prodotti ali­men­ta­ri e anche man­u­fat­ti d’artigianato, ogget­ti carat­ter­is­ti­ci: dai cioc­co­la­ti­ni aus­triaci alla bir­ra tedesca e ceca, dalle por­cel­lane ingle­si ai fiori dell’Olanda. «Gli oper­a­tori che parte­ci­pano all’iniziativa por­tano nei Mer­cati europei i loro prodot­ti tipi­ci, per far conoscere le diverse cul­ture che di tut­ta l’Europa. In questo caso par­ti­co­lare, la Roc­ca ben si pres­ta a con­giun­gere com­mer­cio, arti­giana­to e cul­tura», ha affer­ma­to il pres­i­dente provin­ciale di Fiva Con­f­com­mer­cio, Raf­faele Cirillo.L’ingresso alla Roc­ca è gra­tu­ito; nei tre giorni sarà pos­si­bile vis­itare anche il Museo civi­co orni­to­logi­co, la Casa del Podestà (a paga­men­to; in orario 10–12 e 14–19) e la Torre Civica.Grazie alla disponi­bil­ità del­la Fon­dazione Ugo da Como, pres­so il padiglione “even­ti” del­la Roc­ca tro­ver­an­no spazio i sapori nos­trani: durante i tre giorni, i vis­i­ta­tori potran­no degustare e acquistare i migliori vini e prodot­ti del­la Stra­da dei Vini e dei Sapori del Garda.Crediamo che l’iniziativa offra la pos­si­bil­ità di creare nuove sin­ergie tra tut­ti col­oro che vor­ran­no parte­ci­pare e col­lab­o­rare alla rius­ci­ta dell’evento, ha det­to l’assessore comu­nale al Com­mer­cio Valenti­no Leonar­di. «Il Mer­ca­to europeo, infat­ti, sposa la vocazione tur­is­ti­ca di Lona­to del Gar­da, in un con­testo di rilan­cio e di val­oriz­zazione del­la nos­tra mer­av­igliosa Roc­ca. Questo appun­ta­men­to ci offre un’occasione in più per far apprez­zare la cit­tà ai nos­tri vis­i­ta­tori. Non ci res­ta che sper­are nel sole…».La man­i­fes­tazione, ha con­clu­so il pres­i­dente Fiva del­la Provin­cia di Bres­cia, è la con­seguen­za dell’interesse che tale even­to ha sus­ci­ta­to nel­la cit­tad­i­nan­za e negli enti pub­bli­ci locali di altri comu­ni del­la Regione Lom­bar­dia e, soprat­tut­to, del­la nos­tra Provin­cia. Il Mer­ca­to europeo piace alla gente e, per la pecu­liar­ità delle espo­sizioni, non crea alcu­na con­cor­ren­za con gli oper­a­tori locali ed eserci­ta un forte richi­amo turistico».Alla con­feren­za stam­pa di oggi – ven­erdì 5 mar­zo 2010 – era­no pre­sen­ti anche Ste­fano Lusar­di e Rober­ta Val­busa, del­la Fon­dazione Ugo da Como, e Mas­si­m­il­iano Metel­li di Fiva Confcommercio.Cosa sono i Mer­cati europei?I Mer­cati europei si pre­sen­tano come delle mostre-mer­ca­to allestite su aree pub­bliche da ven­di­tori prove­ni­en­ti da vari pae­si dell’Unione euro­pea. In realtà, i Mer­cati europei di Fiva Con­f­com­mer­cio sono molto di più, per­ché han­no un val­ore aggiun­to che le con­suete inizia­tive di piaz­za non riescono ad assi­cu­rare. L’idea che ani­ma questi even­ti è di far incon­trare gli oper­a­tori del Bel­paese e i loro “col­leghi” europei con il con­sumo italiano.In questi Mer­cati europei, i banchi di prove­nien­za estera sono un centi­naio cir­ca, men­tre i rap­p­re­sen­tan­ti delle speci­ficità region­ali ital­iane si aggi­ra­no intorno alla venti­na. Più nel det­taglio, sot­to il pro­fi­lo mer­ce­o­logi­co: un 30% di banchi di ali­men­ta­ri si affi­an­ca a un 60% del set­tore non ali­menta­re, men­tre il restante 10% è cos­ti­tu­ito da oper­a­tori che effet­tuano dis­tribuzione. I ven­di­tori espon­gono i prodot­ti carat­ter­is­ti­ci delle nazioni di prove­nien­za, dis­posti in modo da creare delle cosid­dette “aree nazion­ali” che ven­gono attra­ver­sate dai vis­i­ta­tori come fos­sero “quartieri”. Con il van­tag­gio di fare da cas­sa di riso­nan­za a tradizioni, cul­tura e tipic­ità gas­tro­nomiche di quel deter­mi­na­to paese. In questo “calei­do­sco­pio” le atmos­fere europee si avvic­i­nano e s’incontrano nel­la loro diver­sità, ma anche nel­la loro somiglian­za. Non è esager­a­to quin­di affer­mare che i Mer­cati europei, in un cer­to sen­so, con­tribuis­cono fat­ti­va­mente anche a un proces­so di inte­grazione europea.Info: www.fiva.it (Mer­cati europei); fiva@confcommercio.it