Garda Unico torna dalla più importante fiera dell’industria turistica con un messaggio di ottimismo per la stagione.

Presenza forte del Garda alla ITB di Berlino. Il Garda è una delle destinazioni capaci di generare maggiore interesse

Di Redazione

Si è appe­na con­clusa la 50ª edi­zione di ITB Berlin, il Salone leader dell’industria mon­di­ale del tur­is­mo, capace di influen­zare l’andamento del set­tore. A Berli­no era pre­sente anche , l’agenzia per la pro­mozione e la com­mer­cial­iz­zazione del Lago di Gar­da che riu­nisce i con­sorzi lacuali di Vene­to, Lom­bar­dia e Provin­cia Autono­ma di Tren­to. Lo stand di ha pro­pos­to un’unica iden­tità visuale a tour oper­a­tor, agen­zie di viag­gio e tur­isti indi­vid­u­ali all’interno di un even­to che da mer­coledì 9 a domeni­ca 13 mar­zo ha coin­volto 10.000 espos­i­tori di 187 Pae­si e Regioni, richia­man­do cir­ca 180 mila vis­i­tarori dei quali 120 mila oper­a­tori spe­cial­iz­za­ti.

Sig­ni­fica­ti­va la visi­ta allo stand di Gar­da Uni­co del Pres­i­dente del­la Regione Vene­to Luca Zaia, che si è intrat­tenu­to con gli Ammin­is­tra­tori dei Con­sorzi tur­is­ti­ci del lago: il pres­i­dente Mar­co Benedet­ti e il diret­tore Rober­ta Maraschin per Ingar­da Trenti­no, per il Con­sorzio Lago di Gar­da Vene­to, per il Con­sorzio Lago di Gar­da Lom­bar­dia (foto alle­ga­ta).

La pre­sen­za alla ITB di Berli­no è servi­ta ai respon­s­abili dei con­sorzi per man­i­festare l’espressione del­la sin­er­gia inter­re­gionale in mate­ria tur­is­ti­ca ed appro­fondire quan­ti­ta­ti­va­mente e qual­i­ta­ti­va­mente lo sce­nario tur­is­ti­co inter­nazionale. Infor­mazioni, queste, deci­sive per val­utare e com­pren­dere come la des­ti­nazione Lago di Gar­da si col­lochi nel mer­ca­to glob­ale. L’obiettivo comune è miglio­rare l’offerta sui mer­cati con­sol­i­dati, ma anche ver­i­fi­care se esistono baci­ni di uten­za ver­so i quali impostare nuove strate­gie.

Una rif­les­sione appro­fon­di­ta sarà com­pi­u­ta in tem­pi bre­vi. Intan­to sono da reg­is­trare le dichiarazioni degli ammin­is­tra­tori improntate all’ottimismo e allo svilup­po futuro.

La bandiera ital­iana — ha det­to Mar­co Benedet­ti, Pres­i­dente di Ingar­da — splende anco­ra sul panora­ma tur­is­ti­co inter­nazionale e una delle più pres­ti­giose des­ti­nazioni come il Lago di Gar­da offre il meglio di sé sul mer­ca­to tedesco, con la pre­sen­tazione di un ter­ri­to­rio sem­pre più accat­ti­vante e con la già pre­mi­a­ta pro­fes­sion­al­ità dei pro­pri impren­di­tori”.

Ora che un’altra fiera ITB si è con­clusa — gli ha fat­to eco Pao­lo Arte­lio, Pres­i­dente del Con­sorzio Lago di Gar­da Vene­to e di Gar­da Uni­co — pos­so affer­mare con certez­za che il nos­tro lago, la prossi­ma sta­gione, sarà uno dei pro­tag­o­nisti di rilie­vo tra le des­ti­nazioni tur­is­tiche. L’interesse dimostra­to nei con­fron­ti delle nos­tre pro­poste di accoglien­za è sta­to davvero molto ele­va­to. Il nos­tro stand è sta­to accolto all’interno di quel­lo del­la Regione Vene­to ed è sta­to vis­i­ta­to anche dal Pres­i­dente Luca Zaia, che si è mostra­to aper­to e disponi­bile ad accogliere le nos­tre richi­este per una pro­mozione anco­ra più atti­va e impor­tante del nos­tro ter­ri­to­rio”.

Tor­ni­amo dal­la trasfer­ta di Berli­no con grande ottimis­mo — ha con­clu­so Fran­co Ceri­ni, Pres­i­dente del Con­sorzio Lago di Gar­da Lom­bar­dia — e con la con­sapev­olez­za dell’apprezzamento che riscuote in misura sem­pre mag­giore il Bena­co pres­so il pub­bli­co d’Europa. La pre­sen­za di Gar­da Uni­co ha sus­ci­ta­to un apprez­za­men­to spe­ciale anche da parte degli addet­ti ai lavori, tour oper­a­tor e rap­p­re­sen­tan­ti dei mezzi di comu­ni­cazione. Lo stand uni­tario del lago nel­la fiera tur­is­ti­ca più impor­tante d’Europa è sta­to cer­ta­mente all’altezza del­la pro­pos­ta garde­sana, che risponde in maniera estrema­mente effi­cace ad una richi­es­ta del mer­ca­to che è sem­pre più atten­ta alla qual­ità, con par­ti­co­lare atten­zione ver­so le eccel­len­ze enogas­tro­nomiche e il tur­is­mo all’aria aper­ta”.

Il mes­sag­gio che viene dall’ITB di Berli­no è chiaro: c’è ottimis­mo per­ché l’industria del tur­is­mo inter­nazionale ha mostra­to la sua capac­ità di recu­pero a fronte delle crit­ic­ità geopolitiche, con­fer­man­dosi un set­tore con capac­ità di espan­sione nonos­tante le con­dizioni glob­ali non favorevoli. Un mes­sag­gio ampli­fi­ca­to da più di 5.000 gior­nal­isti e qua­si 400 blog­ger pre­sen­ti al salone tedesco.