Riproposta fino all’Epifania la tradizionale mostra

Presepi di tutto il mondo si ammirano a Gargnano

31/12/2002 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gargnano

Pre­sepi da tut­to il mon­do in mostra a Gargnano nell’ex munici­pio. L’e­s­po­sizione, aper­ta fino all’, è vis­itabile con orario 10–12.30 e 14.30–17. L’in­gres­so è gra­tu­ito. L’inizia­ti­va è del­la par­roc­chia, che ha anche ottenu­to il presti­to di alcu­ni pre­sepi da veri e pro­pri collezion­isti. Non man­cano le curiosità: dal pre­se­pio napo­le­tano a oltre un centi­naio di altre rap­p­re­sen­tazioni del­la Nativ­ità che giun­gono dai luoghi più lon­tani. Ben rap­p­re­sen­tati sono i Pae­si sudamer­i­cani e quel­li africani: dal­la Bolivia al Perù fino al Burun­di. Ma una delle sor­p­rese con­siste nel­l’e­s­po­sizione di un pre­se­pio, le cui stat­ue e i cui edi­fi­ci sono in ceram­i­ca, opera del lavoro dei bam­bi­ni del­la scuo­la ele­mentare. «Purtrop­po abbi­amo avu­to poco tem­po per alle­stire l’in­tera espo­sizione — spie­ga una mam­ma — e altri pezzi elab­o­rati dai bam­bi­ni sono così rimasti negli scat­oloni». Ma l’im­por­tante, per quest’an­no, era ripren­dere la tradizionale espo­sizione, sospe­sa per un paio di inverni e che è tor­na­ta molto più ric­ca e accat­ti­vante. Non man­ca la Nativ­ità rap­p­re­sen­ta­ta su fran­cobol­li, men­tre i mate­ri­ali per ripro­porre la Sacra Famiglia, i pas­tori e i tradizion­ali ani­mali sono i più dis­parati: dal­la ter­ra­cot­ta alla pietra, dal met­al­lo al cristal­lo, alla car­tapes­ta. Molto diverse fra loro sono anche le dimen­sioni, che oscil­lano da pochi cen­timetri a un metro quadra­to. Buona, fino­ra, la parte­ci­pazione dei vis­i­ta­tori gargnane­si e di qualche sparu­to tur­ista che non vuole las­cia­r­si sfug­gire l’oc­ca­sione di una visita.

Parole chiave: