Una visita anche nella scuola salodiana

Presto il nuovo Liceo In aula entro il 2005

15/05/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
se.za.

Non c’è sta­ta solo la visi­ta «stradale». Sem­pre ieri mat­ti­na, il pres­i­dente del­la Provin­cia Alber­to Cav­al­li, l’assessore ai Lavori pub­bli­ci e il pres­i­dente del­la Comu­nità mon­tana , Bruno Faus­ti­ni, han­no fat­to anche un sopral­lu­o­go a Cam­pov­erde di Salò, per vedere il cantiere del Liceo. «E’ l’opera più impor­tante real­iz­za­ta dal­la Provin­cia in questi anni nel cam­po dell’edilizia sco­las­ti­ca — ha sot­to­lin­eato Cav­al­li -. La nuo­va sede del Clas­si­co e del­lo Sci­en­tifi­co, che sarà con­clusa nel­la prossi­ma pri­mav­era, è un esem­pio con­cre­to del­la nos­tra scelta di inve­stire in qual­ità architet­ton­i­ca e ambi­en­tale, per­chè una “bel­la casa” per chi stu­dia e inseg­na è pre­mes­sa anche per una migliore qual­ità educa­ti­va. I numeri del Bro­let­to? Nel 2000 sono sta­ti por­tati a com­pi­men­to 16 cantieri di edilizia sco­las­ti­ca; 18 nell’anno suc­ces­si­vo; addirit­tura 45 nel 2002 e 36 nel 2003. E altri sono in fase di chiusura. In totale, abbi­amo mes­so a dis­po­sizione delle scuole supe­ri­ori bres­ciane 130 mil­ioni di euro». E Paroli­ni: «L’intervento di Salò cos­ta una quindic­i­na di mil­iar­di di vec­chie lire. Oggi abbi­amo pre­so atto dell’avanzamento dei lavori. Il cor­po delle aule è sostanzial­mente ter­mi­na­to. Il sec­on­do, con la palestra e la , è già a rus­ti­co. L’impresa che ha vin­to l’appalto sta pavi­men­tan­do le stanze e com­ple­tan­do le fini­ture». L’assessore par­la di «un edi­fi­cio esem­plare dal pun­to di vista architet­ton­i­co, che dis­porrà di dotazioni di rilie­vo: la , la men­sa, un audi­to­ri­um da 350 posti e le attrez­za­ture sportive». Qual­cuno gli ha ricorda­to che molti stor­cono il naso guardan­do la stec­ca di cemen­to sui pianori tra Cam­pov­erde e la stra­da Tormi­ni-Cunet­tone, e lui ha rib­at­tuto affer­man­do che per val­utare l’impatto ambi­en­tale bisogn­erà atten­dere la con­clu­sione dei lavori, con la tin­teggiatu­ra e la posa di veg­e­tazione ad alto fus­to. «Comunque — ha aggiun­to — il prog­et­to è frut­to di una lun­ga elab­o­razione, che ha coin­volto la Sovrin­ten­den­za e vari enti». Intan­to, il Comune ha defini­to la sis­temazione delle aree esterne (parcheg­gio e allarga­men­to di via Murel­li). La spe­sa sarà di due mil­iar­di di vec­chie lire, e i lavori dovreb­bero iniziare in autunno.

Parole chiave: