La prevenzione, almeno per il momento, resta l’arma più efficace nella lotta contro i tumori. Proprio alla formazione di una corretta cultura in proposito è volto l’impegno dell’«Associazione gardesana studio e prevenzione tumori».

Prevenire pittosto che curare

30/05/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
s.b.

, che saba­to scor­so ha riu­ni­to ami­ci e sim­pa­tiz­zan­ti nel­lo stori­co salone delle feste del Grand Hotel Gar­done. L’incontro con­viviale ha avu­to sostanzial­mente due final­ità: aggiornare i sosten­i­tori del sodal­izio sulle attiv­ità svolte e pro­muo­vere la rac­col­ta di fon­di per miglio­rar­le e poten­ziar­le. L’associazione pre­siedu­ta dal dott. Ambro­gio Colom­bo svolge ormai da dod­i­ci anni nell’area garde­sana un’azione di svilup­po del­la pre­ven­zione nel cam­po onco­logi­co. Da un decen­nio pro­muove con risul­tati con­for­t­an­ti il pap test per la pre­ven­zione del tumore all’utero. Da quat­tro anni, gra­zie all’azione dell’associazione, sono state sot­to­poste a screen­ing seno­logi­co, medi­ante mam­mo­grafie, 3.025 donne fra i 50 e i 60 anni (in 15 di esse è sta­ta riscon­tra­ta pre­co­ce­mente, e dunque in tem­po utile per evi­tarne lo svilup­po, la pre­sen­za di pic­cole for­mazioni tumorali). Il cam­po d’azione dell’associazione va oltre la pre­ven­zione med­ica vera e pro­pria. Gra­zie alla gen­erosità dei numerosi sosten­i­tori è sta­to infat­ti pos­si­bile asseg­nare quat­tro a medici dell’ospedale di Desen­zano per l’approfondimento delle tec­niche diag­nos­tiche, di cura e per la ricostruzione del seno col­pi­to da tumore. E anco­ra: è sta­ta acquis­ta­ta una Fiat Pan­da data in uso al servizio di assis­ten­za domi­cil­iare dell’Asl, da usare preva­len­te­mente per i malati di can­cro. Quan­to alla rac­col­ta di fon­di va det­to che è sta­to isti­tu­ito un con­to cor­rente postale per le don­azioni (n. 14193254). Ricor­diamo che l’associazione garde­sana stu­dio e pre­ven­zione tumori è rego­lar­mente iscrit­ta all’anagrafe Onlus ed è quin­di con­sen­ti­to, a col­oro che inten­dano sosten­er­la, di ben­e­fi­cia­re detrazione del 19% Irpef.

Parole chiave: