Acque ancora fredde ma il Benaco attrae i bagnanti, chi è in vacanza con i bimbi ripiega sulle piscine. E gli affari stanno decollando.
Spiagge affollate, segnali più che positivi da alberghi e campeggi. Il fine settimana si prospetta all’insegna del p

Primi bagni e pienone sul lago

Di Luca Delpozzo
Stefano Joppi

Scop­pia l’estate sul Gar­da. Il gran cal­do e l’arrivo del pri­mo dei tre affol­lati pon­ti per i vacanzieri, quel­lo dell’Ascensione, sta lenta­mente popolan­do le spi­agge del più grande lago ital­iano. Non man­ca il lavoro per i tan­ti chioschi spar­si sulle sponde del­la Riv­iera degli Olivi com­plice anche la bal­ne­abil­ità di tutte le spi­agge eccet­to quel­la in lun­go­la­go Cipri­ani a Bar­dolino, a due pas­si dal cen­tro storico.Come sem­pre si attende il fine set­ti­mana per reg­is­trare, gra­zie all’afflusso dei pen­dolari dalle vicine province, il tut­to esauri­to. Ad affrontare per pri­mi le acque del Bena­co sono soprat­tut­to i tur­isti stranieri anche se non man­cano gli ital­iani, più incli­ni però alle piscine pre­sen­ti ormai in qua­si tutte le strut­ture ricettive alberghiere e all’aria aper­ta. Si con­tano infat­ti sulle dita di due mani infat­ti i campeg­gi sprovvisti al loro inter­no di piscine.«In lin­ea gen­erale i tur­isti preferiscono nei mesi di luglio e agos­to andare a fare il bag­no nel lago per poi alla sera, quan­do rien­tra­no in hotel, fer­mar­si per l’ultima nuo­ta­ta in pisci­na», affer­ma Gior­gio Con­soli­ni, pres­i­dente degli alber­ga­tori di Brenzone.«In questi giorni, con le acque del Bena­co non anco­ra calde, optano per rimanere in pisci­na. Comunque non c’è una pras­si che acco­mu­na tut­ti. Di soli­to le abi­tu­di­ni sono con­dizion­ate anche dal­la pre­sen­za o meno di bam­bi­ni. In questo caso è la pisci­na a bat­tere il lago».A parte la curiosa sfi­da nell’alto lago si prospet­ta un fine set­ti­mana all’insegna del tut­to esaurito.«Le indi­cazioni sono pos­i­tive», chi­ude Con­soli­ni che fotografa una situ­azione sim­i­le in più par­ti del­la Riv­iera degli Olivi. «Le prospet­tive sono buone per questo fine set­ti­mana», gli fa eco da Bar­dolino Enri­co Padovani, alla gui­da del­la locale asso­ci­azione albergatori.Indicatori pos­i­tivi arrivano anche dal­la voce del pres­i­dente dei gio­vani alber­ga­tori dell’Ugav Nico­la Thurn­er. «Ho par­la­to con vari col­leghi e tut­ti con­fer­mano l’arrivo di tur­isti soprat­tut­to dal­la Ger­ma­nia e in par­ti­co­lare dal­la Bavaria. Pochi invece i vacanzieri ingle­si che comunque optano per l’alto lago e in par­ti­co­lare per Malcesine».Nel set­tore extral­berghiero, si sa, il bel tem­po gio­ca un ruo­lo deter­mi­nante e i risul­tati, al momen­to, si vedono. «Sti­amo reg­is­tran­do un buon afflus­so di arrivi per questo fine set­ti­mana», sostiene Gio­van­ni Berni­ni alla gui­da dell’Assogardacamping asso­ci­azione che riu­nisce i tito­lari di strut­ture ricettive all’aria aper­ta del­la spon­da veronese.«A far la parte del leone sono i tedeschi, meno gli olan­desi pre­sen­ti invece a inizio mese com­plice anche le ferie nel­la patria dei tuli­pani. Il bag­no nel lago? Odd­io ci van­no ma la mag­gior parte preferisce trovare refrige­rio nelle piscine di soli­to attrez­zate con tan­to di scivoli», con­clude Berni­ni.