Arriverà nei prossimi giorni in Valtenesi la nuova vettura che il costituendo Consorzio fra i vari comandi di Polizia Urbana per la realizzazione del progetto “Valtenesi sicura” che da tempo sta tenendo banco in Valtenesi

Primi passi per Valtenesi Sicura

18/10/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

Arriverà nei prossi­mi giorni in Valte­n­e­si la nuo­va vet­tura che il cos­tituen­do Con­sorzio fra i vari coman­di di Polizia Urbana per la real­iz­zazione del prog­et­to “Valte­n­e­si sicu­ra” che da tem­po sta tenen­do ban­co in Valte­n­e­si. Un Prog­et­to questo che vede inter­es­sati tut­ti e 7 i comu­ni che com­pon­gono il ter­ri­to­rio del­la Valte­n­e­si e che ha vis­to il momen­to di mas­si­ma uffi­cial­ità nell’incontro pub­bli­co, avvenu­to nel­la mat­ti­na­ta, uggiosa, del­lo scor­so 24 set­tem­bre a Maner­ba, fra i sin­daci ed il Prefet­to di Bres­cia Anna Maria Can­cel­lieri. In quell’occasione, lo ricor­diamo, venne sot­to­scrit­ta da tut­ti, sin­daci e prefet­to, un Pro­to­col­lo di inte­sa nel quale ognuno si assume­va la pro­pria parte di impeg­no per ren­dere questo ango­lo di ter­ra bres­ciana, in riva al lago, con­tro il con­tin­uo pro­lifi­car­si del­la crim­i­nal­ità. Pre­sen­ti a quell’atto uffi­ciale le mag­giori autorità in cam­po mil­itare a par­tire dal Que­store di Bres­cia Pao­lo Scarpis, ai coman­dan­ti dei e del­la ed il pres­i­dente del­la Provin­cia di Trescai Alber­to Cav­al­li. Nat­u­ral­mente il pri­mo pas­so dopo la fir­ma del Pro­to­col­lo era quel­lo di dotare il cos­tituen­do servizio di alcu­ni stru­men­ti oper­a­tivi, anche usufru­en­do di un con­trib­u­to mes­so a dis­po­sizione del­la . Il pri­mo acquis­to infat­ti riguar­da­va un auto, un Alfa 156 2000 sul­la quale ver­ran­no appli­cati i seg­nali dis­tin­tivi del­la Polizia Munic­i­pale “Valte­n­e­si”; sul­la stes­sa ver­rà anche instal­la­to un nav­i­ga­tore satel­litare per muover­si meglio nel ter­ri­to­rio di com­pe­ten­za. Nel­lo stes­so tem­po sono sta­ti anche acquis­ta­ti 4 giub­bot­ti antiproi­et­tile da met­tere a dis­po­sizione degli uomi­ni in servizio. Anche gli agen­ti munic­i­pali parteciper­an­no a dei cor­si di for­mazione orga­niz­za­ti dall’IREF. Per l’espletamento di questo servizio ogni comune dovrà met­tere a dis­po­sizione 6 ore alla set­ti­mana per ogni pro­prio vig­ile che vedrà impeg­na­to il pro­prio orario di servizio per 30 ore alla set­ti­mana per le nor­mali man­sioni di Polizia munic­i­pale e 6 ore per “Valte­n­e­si Sicu­ra”. La cen­trale oper­a­ti­va avrà sede pres­so il coman­do del­la Polizia Munic­i­pale di Maner­ba. Fra i vari impeg­ni sot­to­scrit­ti a Maner­ba il Prefet­to si è impeg­na­to a “fornire infor­mazioni e notizie cir­ca le inizia­tive di pre­ven­zione a con­trasto dei fenomeni di crim­i­nal­ità pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio, nonché ele­men­ti val­u­ta­tivi sul­la con­sis­ten­za e sulle cause di tali fenomeni; pro­muo­vere uno scam­bio di infor­mazioni, val­u­tazioni e indi­cazioni sia sulle situ­azioni di crit­ic­ità pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio sia sulle strate­gie di inter­ven­to. Det­ti inter­ven­ti sono da attuar­si in modo coor­di­na­to da parte delle Forze di polizia statali e da parte delle Forze di con speci­fi­co riguar­do a quelle inizia­tive che, nell’ambito delle pro­prie com­pe­ten­ze, pos­sono essere attuate a con­trasto delle situ­azioni di crit­ic­ità medes­ime; real­iz­zare incon­tri peri­od­i­ci, anche in occa­sione di appo­site riu­nioni del Comi­ta­to Provin­ciale per l’Ordine e la Sicurez­za Pub­bli­ca, con­vo­cate pres­so le sedi comu­nali, con le Ammin­is­trazioni locali per uno scam­bio di infor­mazioni e val­u­tazioni sul­la situ­azione dell’ordine del­la sicurez­za pub­bli­ca nei comu­ni del­la Valte­n­e­si”. Ques­ta sper­i­men­tazione avrà, come sot­to­scrit­to, una dura­ta annuale a par­tire dal­la fir­ma del Pro­to­col­lo, vale a dire 24 set­tem­bre 2001.