Dopo le dimissioni del presidente Marco Santini e dell’intero Consiglio. La riunione indetta dal Comune ha visto intervenire 60 persone

Pro Loco in crisi cerca nuovi soci

14/12/2005 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Silvio Stefanoni

Si è tenu­ta lunedì scor­so a Poz­zolen­go una ser­a­ta pro­mossa dall’ Ammin­is­trazione comu­nale sul­la Pro Loco. Com’ è noto il pres­i­dente Mar­co San­ti­ni e l’ intero Con­siglio di ammin­is­trazione del­la Pro Loco sono dimis­sion­ari. Riguar­do al per­ché, le voci sono tante. Di cer­to c’ è solo il fat­to che la Pro Loco (ma anche qui non è chiaro se il pres­i­dente, o il Diret­ti­vo al com­ple­to) è entra­ta in rot­ta di col­li­sione con l’ Ammin­is­trazione comu­nale in bur­ras­cosi incon­tri in Comune e durante due assem­blee. Ora il con­siglio uscente del­la Pro Loco ha manda­to a tut­ti i soci una let­tera con alle­ga­ta una sche­da, dove il socio si può can­di­dare sia come pres­i­dente che come mem­bro del diret­ti­vo; la sca­den­za per la ricon­seg­na delle schede è fis­sa­ta per il 31 dicem­bre 2005. Dal can­to suo l’ Ammin­is­trazione comu­nale ha indet­to una riu­nione (quel­la del­lo scor­so lunedì) esten­den­do l’ invi­to, oltre che ai soci, ai com­mer­cianti e eser­centi, a tutte le asso­ci­azioni oper­an­ti in paese, alle can­tine, ai rap­p­re­sen­tan­ti delle Con­trade. Assieme alla let­tera dell’ ammin­is­trazione, quel­la aper­ta di Gabriele Tosi, incar­i­ca­to dal­la stes­sa ammin­is­trazione di cer­care una soluzione alla ques­tione. Gabriele Tosi è sta­to uno dei più tenaci asser­tori del­la Pro Loco, nonché uno dei fonda­tori, ma da qualche anno, per ragioni per­son­ali, era lon­tano. Tosi ha rac­colto con entu­si­as­mo l’ invi­to dell’ Ammin­is­trazione per cer­care di risol­vere l’ ingar­bugli­a­ta matas­sa. Alla ser­a­ta era­no pre­sen­ti una ses­san­ti­na di per­sone, tra le quali poco meno di una trenti­na (su 82) di soci Pro Loco. Ha introdot­to la ser­a­ta l’ asses­sore alla Cul­tura Ric­car­do Saet­ti, uno dei fonda­tori del­la Pro Loco, che ha spie­ga­to qual è l’ inten­to e aus­pi­can­do che la Pro Loco pos­sa con­tin­uare il suo cam­mi­no. Sul­la stes­sa lunghez­za d’ onda Gabriele Tosi, che con un’ appas­sion­a­ta arringa ha invi­ta­to tut­ti a impeg­nar­si affinchè la Pro Loco non scom­pa­ia. Soluzioni: se dagli iscrit­ti non usci­ran­no almeno sette per­sone per cos­ti­tuire il diret­ti­vo, l’ alter­na­ti­va è quel­la di fare un diret­ti­vo anche con i non iscrit­ti, con­ge­lando però per sei mesi (il tem­po che occorre affinchè un socio pos­sa votare) l’ attiv­ità uffi­ciale del­la Pro Loco.