Domenica 14 ottobre percorsi enogastronomici in 22 cantine

«Profumo di mosto» nel Garda classico

05/10/2007 in Manifestazioni
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
C. A.

Sul Gar­da è nuo­va­mente tem­po di cel­e­brare i «Pro­fu­mi di Mosto»: è infat­ti atte­sa per domeni­ca prossi­ma, 14 otto­bre, l’ormai tradizionale man­i­fes­tazione enogas­tro­nom­i­ca orga­niz­za­ta dal Con­sorzio Gar­da Clas­si­co e giun­ta alla ses­ta edizione.Ben 22, quest’anno, le can­tine che aderiscono all’enopercorso e che per l’intera gior­na­ta del 14 accoglier­an­no i vis­i­ta­tori pro­po­nen­do in degus­tazione i vini del Gar­da Clas­si­co abbinati ad un assag­gio di sapori del ter­ri­to­rio (tick­et: 20 euro). »Si trat­ta di una vet­ri­na ide­ale per cogliere tutte le sfu­ma­ture del­la pro­duzione garde­sana ‑ha det­to ieri il pres­i­dente del Gar­da Clas­si­co, , pre­sen­tan­do la man­i­fes­tazione a vil­la Bar­boglio, ospite dell’assessore provin­ciale all’agricoltura Ser­gio Grazi­oli-. Ma sarà anche un’occasione per vivere da pro­tag­o­nisti le atmos­fere sug­ges­tive dell’autunno gardesano».L’itinerario copre una vas­ta area, che parte dal bas­so Gar­da (Poz­zolen­go e S. Mar­ti­no) ed arri­va fino all’alta Valte­n­e­si (Pueg­na­go), pas­san­do per l’entroterra di Bedi­z­zole e Cal­vagese. Ad ogni tap­pa del cir­cuito sarà pos­si­bile incon­trare diret­ta­mente i pro­dut­tori, far­si guidare nel­la visi­ta alle can­tine e far­si spie­gare la filosofia pro­dut­ti­va del Gar­da Clas­si­co, in un itin­er­ario che con­sen­tirà anche di appro­fondire la conoscen­za del ter­ri­to­rio e delle sue carat­ter­is­tiche stori­co-ambi­en­tali. «Pro­fu­mi di Mosto è un’iniziativa che pro­muove il ter­ri­to­rio nel sen­so più aut­en­ti­co del ter­mine — ha det­to l’assessore Grazi­oli-. Ed ha con­no­tazioni cul­tur­ali che la ren­dono anco­ra più intri­g­ante e com­ple­ta». Per arric­chire la pro­pos­ta infat­ti, l’Associazione Ami­ci del­la L.A.B.A. ha orga­niz­za­to una mostra-con­cor­so sul tema «Dion­iso e Apol­lo». Per infor­mazioni al pub­bli­co, www.gardaclassico.it.

Parole chiave: