Nel fine settimana

Progetta le discoteche e dipinge il nostro tempo Questa è l’arte di Sa

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
e.r.

Ter­zo appun­ta­men­to a Desen­zano con «Autun­no d’arte al ». Da stasera a domeni­ca saran­no in mostra le opere di Ser­gio Sala, «lo scul­tore di atmos­fere raf­fi­nate», come venne defini­to in una pub­bli­cazione per l’attività di night-life design­er. Nato a Bres­cia dove lavo­ra anco­ra oggi, Sala è irre­sistibil­mente attrat­to dal­la notte. Alter­nan­do il lavoro di musicista, di d.j. in dis­cote­ca e in radio, con l’at­tiv­ità diur­na di prog­et­tista tec­ni­co in fab­bri­ca, dal 1970 si occu­pa del­la real­iz­zazione degli interni di impor­tan­ti locali not­turni, dal­lo stes­so Ses­to Sen­so al Biblò. Ha lavo­ra­to anche a Losan­na, Stoc­car­da, Por­to Roton­do. Amante del­la Pop Art, nel 1992 inizia la sua attiv­ità di pit­tore; for­matosi da auto­di­dat­ta, dipinge con tec­ni­ca ad olio qual­si­asi sogget­to gli ven­ga in mente. Nelle sue opere sono prevalen­ti l’in­qui­etu­dine delle donne, lo stress di una vita dom­i­na­ta dal­l’au­to­mo­bile, la solitudine.

Parole chiave: