Progetto Exodus Sport: protagonista lo sport prima del disagio giovanile

Di Redazione

Ener­gia, sor­risi e diver­ti­men­to per la fes­ta finale del prog­et­to Exo­dus Sport al Par­co Pas­tore di Cas­tiglione delle Stiviere, che ha coin­volto quest’an­no i ragazzi delle clas­si prime degli Isti­tu­ti Com­pren­sivi Beschi e Don Milani.

Exodus Sport Giovanni Mazzi

 

Una gior­na­ta all’in­seg­na del­lo sport per i ragazzi che han­no parte­ci­pa­to e con­frontan­dosi all’aria aper­ta in tornei di varie dis­ci­pline sportive: bas­ket, vol­ley, dan­za. Infat­ti, Exo­dus Sport è un prog­et­to che con­fer­ma la ril­e­van­za del ruo­lo educa­ti­vo del­lo sport, con­sid­er­a­to un mez­zo di pre­ven­zione, sen­si­bi­liz­zazione e aggregazione per puntare tut­to sui gio­vani di oggi.

La fes­ta finale Exo­dus Sport ha con­clu­so il per­cor­so sporti­vo svolto dai gio­vani durante le ore sco­las­tiche insieme agli allena­tori di Bas­ket Cas­tiglione 2001, ASD Pallavo­lo Cas­tiglione, Bal­let­to Cit­tà di Cas­tiglione: cir­ca 3/ 4 incon­tri in ogni classe durante le ore di edu­cazione fisi­ca per coin­vol­gere i ragazzi in nuovi sport e puntare sul pro­tag­o­nis­mo gio­vanile.

Exodus Sport Danza

 

Sulle magli­ette e le spille regalate e indos­sate dai ragazzi in occa­sione del­la fes­ta, lo slo­gan dei Cen­tri Gio­vanili Don Mazzi: “Ris­er­va­to a chi ha una tremen­da voglia di vivere!”. Il mes­sag­gio è pro­prio quel­lo di coin­vol­gere i gio­vani per dar loro il cor­ag­gio di chiedere di più a loro stes­si, di non accon­tentar­si o scor­ag­gia­r­si alla pri­ma dif­fi­coltà, di impara­re a gio­care in squadra con la fat­i­ca nec­es­saria, di rispettare le regole del gio­co, di impara­re a vin­cere e a perdere, di non ver­gog­nar­si nel con­fron­to con gli altri, di puntare in alto e dare sem­pre il meglio di sé.

La mat­ti­na­ta, che ha vis­to il salu­to del sin­da­co Alessan­dro Nov­el­li­ni e del­l’Asses­sore , è sta­ta pro­mossa e orga­niz­za­ta dal­la Polisporti­va Aloisiana con la col­lab­o­razione del­la e il Comune di Cas­tiglione delle Stiviere. Quest’an­no il prog­et­to Exo­dus Sport gode anche del sosteg­no del­la Fon­dazione De Agos­ti­ni.

Con una grande car­i­ca di entu­si­as­mo, ha parte­ci­pa­to alla fes­ta anche , diret­tore del­la Fon­dazione Cen­tri Gio­vanili Don Mazzi. “Lo sport deve tornare ad essere fes­ta, gio­co, un momen­to che riequi­li­bra. Lo sport res­ta una reale scuo­la di vita, di cresci­ta per­son­ale e un momen­to insos­ti­tu­ibile di aggregazione gio­vanile. I Cen­tri Gio­vanili Don Mazzi, vogliono arrivare ai gio­vani anche attra­ver­so lo sport e vogliono creare un forte rete ter­ri­to­ri­ale di col­lab­o­razione tra enti sportivi”.

Exodus Sport

 

Alle pre­mi­azioni finali ha parte­ci­pa­to anche Mat­tia Notari, del­l’FC Cas­tiglione, il quale par­lan­do con i ragazzi ha affer­ma­to: “Ricor­dat­e­vi sem­pre l’im­por­tan­za del rispet­to tra di voi, ragazzi. Cer­cate di dare il meglio di voi stes­si in ogni situ­azione e di vivere lo sport con un sano ago­nis­mo!”.