Annuncio ufficiale: i lavori partirebbero a fine estate

Pronta «entro il 20 dicembre» la seggiovia di Pra’ Alpesina

01/08/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
S.J.

A fine estate dovreb­bero par­tire i lavori per il com­ple­to rifaci­men­to del­la seg­giovia Pra’ Alpesina, l’impianto di risali­ta che dista poche centi­na­ia di metri dal­la stazione a monte del­la funi­via Mal­ce­sine-Monte . L’annuncio è sta­to dato a mar­gine del­la con­feren­za stam­pa, svoltasi ai 1760 metri di Trat­to Spino, per pre­sentare il minibus gra­tu­ito che quest’estate accom­pa­gna gli ospi­ti dell’Altopiano da Bren­ton­i­co alla stazione som­mi­tale del­la funi­via che sale da Malcesine.A dare la notizia è sta­to Giuseppe Ven­turin, pres­i­dente del con­sorzio funi­co­lare Mal­ce­sine-Monte Bal­do, soci­età pub­bli­ca com­pos­ta da Provin­cia di Verona (45%), Comune di Mal­ce­sine (30%) e Cam­era di com­mer­cio (25%). Al suo fian­co il vicesin­da­co di Mal­ce­sine Giuseppe Lom­bar­di e il rap­p­re­sen­tante del­la Cam­era di com­mer­cio, Fer­nan­do Moran­do, che è anche pres­i­dente di Con­f­com­mer­cio Verona.L’impianto di Pra’ Alpesina si rag­giunge da Novezzi­na, sal­en­do lun­go la stra­da Graziani, oppure da Avio, via Madon­na del­la Neve. «L’impianto sarà pron­to per il 20 dicem­bre», ha promes­so Fer­nan­do Moran­do, spie­gan­do che il via ai lavori è sta­to delib­er­a­to nell’ultimo con­siglio d’amministrazione. Il cos­to dell’operazione è di cir­ca tre mil­ioni di euroL’impianto com­pleterebbe l’anello di col­lega­men­to con la funi­via Mal­ce­sine-Monte Bal­do èd è vis­to come di vitale impor­tan­za per la sta­gione sci­is­ti­ca sul Bal­do. La seg­giovia sarà a quadri­pos­to con aggan­ci­a­men­to fis­so e con­sen­tirà di trasportare dal­la stazione a valle di Pra’ Alpesina, in ter­ri­to­rio comu­nale di Avio, fino alla cres­ta del Bal­do 1800 per­sone all’ora, per­cor­ren­do in sette minu­ti i cir­ca 1500 metri d’ascesa. La seg­giovia ricade per l’80 per cen­to in ter­ri­to­rio trenti­no e per questo il con­sorzio veronese Mal­ce­sine-Monte Bal­do ricev­erà un con­trib­u­to eco­nom­i­co di cir­ca il 20 per cen­to del cos­to totale dei lavori a cari­co del­lo stes­so ente. Sec­on­do il prog­et­to illus­tra­to a Verona anco­ra un anno fa i lavori con­tem­plano la real­iz­zazione di una seg­giovia quadri­pos­to com­ple­ta di stazioni, sul­lo stes­so per­cor­so attuale così che i cor­pi di fab­bri­ca esisten­ti pos­sano essere ristrut­turati e adibiti esclu­si­va­mente all’accoglienza con razion­al­iz­zazione degli acces­si alla seg­giovia, la creazione di servizi igien­i­ci per gli uten­ti e lo smal­ti­men­to dei liquami.

Parole chiave: