Al distillato è dedicata la giornata odierna, con incontri tematici... tra passato e presente. Nella patria del Groppello c’è spazio anche per la grappa

Puegnago, brindisi di qualità

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
e.c.

Pros­egue la 30ª Fiera dell’agricoltura e dell’artigianato di Pueg­na­go, che vedrà oggi pro­tag­o­nista, dopo la gior­na­ta d’apertura di ieri ded­i­ca­ta al , la grap­pa. Il dis­til­la­to del­la tradizione con­tad­i­na del nord Italia vede svol­ger­si a Pueg­na­go pro­prio uno dei con­cor­si più impor­tan­ti, a liv­el­lo nazionale: “L’Alambicco del Gar­da”, orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con l’Anag (l’Associazione nazionale degli assag­gia­tori di grap­pa). Al con­cor­so, che vedrà le pre­mi­azioni nel­la gior­na­ta di domani in occa­sione dell’inaugurazione del­la fiera, han­no parte­ci­pa­to un centi­naio di grappe, sud­di­vise nelle varie tipolo­gie tra dis­til­lati gio­vani e invec­chiati, prove­ni­en­ti dalle tre regioni che si affac­ciano sul : Lom­bar­dia, Vene­to e Trenti­no. Le grappe in con­cor­so potran­no anche essere assag­giate all’interno di uno stand nei giorni di Fiera.E l’appuntamento di gior­na­ta riv­olto alla grap­pa si con­clud­erà alle 21.15 con il talk show “Grap­pa tra pas­sato e pre­sente”, un incon­tro di una mez­zoret­ta che si ter­rà nel­la panoram­i­ca “Piaz­za degli Even­ti”, che altro non è che piaz­za Don vesti­ta a fes­ta in occa­sione del­la Fiera. Per l’occasione il noto assag­gia­tore Mari­no Damon­ti, autore tra l’altro anche del “Libro com­ple­to del­la grap­pa”, la pri­ma gui­da del­la grap­pa pub­bli­ca­ta sei mesi fa, pro­por­rà inter­es­san­ti aned­doti sul mon­do del­la dis­til­lazione del­la grap­pa di un tem­po, un modo, per i più gio­vani, per conoscere le tradizioni di un tem­po, e per gli altri di dar vita ai ricor­di del tem­po pas­sato. «Là dove c’è il non può che esser­ci la grap­pa — spie­ga Damon­ti -. Ed anche se in Valte­n­e­si non c’è una dis­til­le­ria c’è sem­pre sta­ta pro­duzione del più noto dis­til­la­to con­tadi­no. All’inizio del sec­o­lo scor­so veni­va prodot­ta nelle stalle, dove l’intera famiglia atten­de­va con pazien­za, con gli anziani che rac­con­ta­vano le loro sto­rie di vita, che dall’alambicco uscisse il pri­mo goc­cio di dis­til­la­to, ed ora tutte le vinac­ce del Grop­pel­lo rag­giun­gono le dis­til­lerie del bres­ciano, trenti­no o veronese». Anche oggi non mancherà il “ban­co degli assag­gi” del Grop­pel­lo, il vino per antono­ma­sia del­la Valte­n­e­si, che da quest’anno diven­ta il vero pro­tag­o­nista del­la Fiera di Pueg­na­go, essendo il mag­giore pat­ri­mo­nio del­la vitivini­coltura garde­sana. L’obiettivo, già a par­tire dall’edizione 2007 del­la Fiera, è quel­la di fare in modo che Pueg­na­go diven­ti la casa del Grop­pel­lo, cre­an­do nel tem­po un’associazione auto­mat­i­ca tra vit­ig­no, vino e ter­ri­to­rio. La “Via del Grop­pel­lo”, prospiciente la piaz­za Don Bal­do, aprirà alle 18 e pro­por­rà anche la degus­tazione del for­mag­gio Gar­da sta­gion­a­to di Tremo­sine. Alla stes­sa ora apre anche il ris­torante, quest’anno ancor più di qual­ità gra­zie alla pre­sen­za nel menù di numerosi piat­ti tipi­ci (da “Polen­ta e Spiè” a “Pène col pöstöm” fino al “Risot al Gropèl”) con l’immancabile pre­sen­za del vino Grop­pel­lo servi­to in bic­chieri di vetro. Spazio anche per i bam­bi­ni che potran­no diver­tir­si al Castel­lo delle Mer­av­iglie, con giochi di diver­so tipo. Pros­eguirà anche la quar­ta edi­zione del­la Mostra inter­nazionale degli olii extravergi­ni di oli­va monocultivar.Dalle 20, poi, il fol­clore sarà in piaz­za con i “Piasaroi de Poe­g­nac”, men­tre dalle 20.30 la musi­ca jazz dal vivo aleg­gerà nell’aria del­la “Piaz­za degli Even­ti”. Domani sarà la gior­na­ta ded­i­ca­ta allo spiedo, e all’inaugurazione uffi­ciale, men­tre lunedì spazio all’olio extravergine d’oliva del Gar­da dop.

Parole chiave: