Rifiuti sopra e rifiuti sotto

Pulizia sub a Torbole: bottiglie e lattine addio

10/10/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
r.s.

Rifiu­ti sopra e rifiu­ti sot­to. I tan­ti, trop­pi, che sporcano non van­no tan­to per il sot­tile. Il lago e le sue più amene spi­agge per loro non sono altro che una grande pat­tumiera. Dove dis­far­si sen­za riteg­no quan­to non serve più, mag­a­ri dopo aver pas­sato una gior­na­ta ad ammi­rare le sue bellezze ed esser­si rin­fres­cati nelle sue acque.Se ne sono accor­ti i vig­ili del fuo­co di Nago-Tor­bole, domeni­ca 24 set­tem­bre, durante un’us­ci­ta pro­gram­ma­ta in con­comi­tan­za con alla man­i­fes­tazione pro­mossa dal­la Lega Ambi­ente, “Puliamo il mon­do”. Da pulire, in par­ti­co­lare, c’era tra le altre la spi­ag­gia nei pres­si di Corno di Bo’. Diver­si i sac­chi riem­pi­ti di immon­dizia sia a cielo aper­to sul­la spi­ag­gia, sia sot­to il pelo del­l’ac­qua. Recu­perati per lo più bot­tiglie e lat­tine. Sot­to nat­u­ral­mente si sono immer­si due som­moz­za­tori volon­tari, Nadi Fedrizzi e Gunter Gjt­zoller, appog­giati dal­la vec­chia piloti­na in dotazione al cor­po di Nago-Tor­bole. Piloti­na, purtrop­po, anda­ta in avaria sul più bel­lo — con­fes­sa scon­so­la­to il coman­dante Giu­liani: «L’avaria non ci ha per­me­s­so di con­tin­uare l’op­er­azione sul­la spi­ag­gia anti­s­tante la Colo­nia Pavese». Di con­seguen­za non c’è sta­to altro che fare ritorno antic­i­pa­to trainati dal più effi­ciente mez­zo in forza al dis­tret­to di Riva. I vig­ili del fuo­co però non dis­per­a­no: l’op­er­azione di pulizia è solo riman­da­ta, con­tin­uerà non appe­na la bar­ca sarà in con­dizioni di nav­i­gare sen­za il tim­o­re di rimanere di nuo­vo in panne.