Quadri e pennelli per descrivere illago di Garda

28/08/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Carlo Rigoni

Una gior­na­ta di sole a ritrarre un ango­lo tra i più sug­ges­tivi e forse il più noto del lago di Gar­da, pun­ta San Vig­ilio. Nuo­va affasci­nante espe­rien­za per un grup­po di maestri del pen­nel­lo impeg­nati in una per­for­mance sin­go­la e col­let­ti­va a descri­vere sulle tele, nel­la poli­cro­mia dei col­ori, i mer­av­igliosi scor­ci nat­u­rali e architet­toni­ci offer­ti dall’incantevole pae­sag­gio del Bena­co. È quan­to han­no vis­su­to ven­ti artisti oper­an­ti su scala nazionale, e prove­ni­en­ti da cinque regioni ital­iane, invi­tati alla quin­ta fes­ta dell’amicizia del Cir­co­lo artis­ti­co cul­tur­ale «La Car­i­ca», ospi­ti del com­menda­tor che con grande disponi­bil­ità ha aper­to la vil­la e il par­co di San Vig­ilio. Dopo la vil­la dei Cedri di Colà con il suo par­co e la pisci­na ter­male, il e le cor­ti storiche di Pas­tren­go un’altra ghiot­ta occa­sione si è pre­sen­ta­ta per immor­ta­lare luoghi carichi di sug­ges­tione e di sto­ria. Gio­van­ni Rana, gen­eroso e squisi­to anfitri­one, ha volu­to essere pre­sente per tes­ti­mo­ni­are il suo inter­esse all’arte e portare la sua piena ade­sione all’annuale appun­ta­men­to del sodal­izio di Pas­tren­go che nel 1999 gli ha con­fer­i­to il «Pre­mio La Car­i­ca». Gli artisti si sono impeg­nati nell’esecuzione di opere sin­gole ad olio tutte ispi­rate al tema pro­pos­to. Par­ti­co­lar­mente rius­ci­ti due pan­nel­li di gran­di dimen­sioni; uno a tre mani raf­fig­u­rante uno scor­cio del lago ver­so Salò e Maner­ba vis­to dal­la veran­da, l’altro a quat­tro mani ripro­du­cente il fian­co sud del­la vil­la con­tor­na­ta da due fig­ure fem­minili damigelle in cos­tume var­i­opin­to a sin­is­tra, il gia­rdi­no cen­trale e il monte Lup­pia a destra. Quest’ultima, a ricor­do del­la gior­na­ta, è sta­ta dona­ta a che la con­serverà nel­la sala del bil­iar­do. Vivis­si­mo il suc­ces­so dell’iniziativa e com­ple­ta la sod­dis­fazione del noto indus­tri­ale «Non me l’aspettavo così inter­es­sante» com­men­ta. «Ho ammi­ra­to opere vera­mente ben costru­ite con grande abil­ità da pro­fes­sion­isti vali­di che mer­i­tano tut­to il mio com­piaci­men­to». Fes­tosa la con­clu­sione del­la gior­na­ta con la cena dei parte­ci­pan­ti all’hotel «La Car­i­ca», l’intervento di autorità e di ospi­ti. Al levar dei cali­ci il sin­da­co Gior­gio Bena­mati e il pres­i­dente del Cen­tro Pro­mozionale Gian­ni Rama han­no bene espres­so il sig­ni­fi­ca­to di questi incon­tri di arte e di ami­cizia che con­tribuis­cono alla cresci­ta umana, e nel dare appun­ta­men­to alla prossi­ma edi­zione, han­no offer­to ai parte­ci­pan­ti il tradizionale omag­gio: prodot­ti Rana, prodot­ti Palu­ani e vini delle Can­tine Lam­ber­ti offer­ti dalle rispet­tive aziende produttrici.

Commenti

commenti