Concluse le trattative per l'acquisto delle aree si passa ora alla fase operativa per l'ampliamento del Palazzetto dello Sport di Lonato

Quando lo sport vale il doppio

30/09/2009 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

IL CENTRO SPORTIVOLa trat­ta­ti­va per l’acquisto delle aree nec­es­sarie per il cen­tro sporti­vo si sono con­cluse gra­zie all’impegno del sin­da­co , l’assessore all’Urbanistica Rober­to Tar­dani e l’assessore allo Sport Ettore Prandini.Il pro­gram­ma inte­gra­to di inter­ven­to prevede, in cam­bio dell’edificabilità di 45.704 metri cubi, che i cinque pro­pri­etari inter­es­sati cedano al Comune cir­ca 90mila metri qua­drati di ter­reno per la real­iz­zazione di impianti e attrez­za­ture sportive, con area ris­tori e parcheg­gi interni.«Lonato ave­va bisog­no di queste strut­ture – com­men­ta l’assessore Tar­dani –. Gli abi­tan­ti del cen­tro han­no sem­pre sof­fer­to ques­ta caren­za, che ora potremo sod­dis­fare, anche gra­zie alla parte­ci­pazione dei pri­vati e delle asso­ci­azioni del ter­ri­to­rio. I lavori com­in­cer­an­no a inizio 2010». IL PALAZZET­TOIl cantiere del palazzet­to (foto alle­ga­ta) pro­cede bene. La strut­tura polifun­zionale, prog­et­ta­ta nel rispet­to dei cri­teri e delle norme di sicurez­za vigen­ti, avrà una super­fi­cie cop­er­ta di cir­ca  2.250 mq, con un’area di gio­co di dimen­sioni mas­sime di 44,21 metri di larghez­za per 32,11 metri di lunghez­za. La strut­tura por­tante del­la cop­er­tu­ra, in leg­no lamel­lare, risul­terà enfa­tiz­za­ta da ampie vetrate lat­er­ali che, oltre a garan­tire l’illuminazione nat­u­rale, ricreer­an­no l’idea degli spazi aperti.L’impianto sporti­vo, avrà una capien­za di almeno 180 posti a sedere e sarà pri­vo di bar­riere architet­toniche. L’area cir­costante, com­ple­ta­mente recin­ta­ta e des­ti­na­ta a parcheg­gi e spazi ver­di, si inserirà bene nel con­testo di riqual­i­fi­cazione e val­oriz­zazione del­la zona.Oltre alla parte des­ti­na­ta alle attiv­ità sportive, saran­no pre­visti servizi igien­i­ci per il pub­bli­co, un’infermeria con sala di atte­sa, cinque spoglia­toi per gli atleti e due per gli arbi­tri. Ci saran­no inoltre un uffi­cio, un ripostiglio e uno spoglia­toio per il per­son­ale di servizio, un mag­a­zz­i­no e una sala riu­nioni. 

Parole chiave: